Perché sostenere la I.S.K.Con.?

Qualunque cosa tu faccia...
Qualunque cosa tu faccia...
qualunque cosa tu mangi, sacrifichi od offri in carita', come pure le austerita' che compi - offri tutto a Me, o figlio di Kunti. (B.G. - 9.27)
Leggi
Qualunque sia il metodo...
Qualunque sia il metodo...
adottato per servire Krishna, si deve rinunciare ai frutti del proprio lavoro cioe' si devono impiegare i risultati delle proprie attivita' (karma) per una buona causa. (Srila Prabhupada)
Leggi
Ogni uomo dovrebbe...
Ogni uomo dovrebbe...
dare in carità il 50% dei suoi guadagni al servizio di una buona causa e, secondo i testi sacri, questa causa è la Coscienza di Krishna. (Srila Prabhupada)
Leggi
Chiunque puo' sacrificare una...
Chiunque puo' sacrificare una...
parte dei frutti delle sue azioni per la diffusione della Coscienza di Krishna; questo servizio volontario lo aiutera' a sviluppare il suo amore per Dio e raggiungere cosi' la perfezione. (Srila Prabhupada)
Leggi

separatore iskcon

Srila Prabhupada e il quinto Comandamento

Ogni volta che Prabhupada incontrava i seguaci della Bibbia
invariabilmente li esortava a far cessare l'uccisione degli animali

 

di Satyaraja Dasa

 

il quinto comandamento

 

Durante un recente incontro interreligioso, mi è accaduto di ricordare che noi devoti di Krishna siamo vegetariani e nel mezzo della discussione ho fatto riferimento al Quinto Comandamento: "Non uccidere." Un eminente erudito cristiano, che partecipava alla discussione, chiese cosa aveva a che fare il Comandamento con l'essere vegetariani.

"Ha molto a che fare con esso!" risposi. "Chi mangia la carne, direttamente o indirettamente uccide gli animali ed uccidere è ciò che il Comandamento proibisce espressamente, non è così?" Bene, il mio amico cristiano era nettamente contrario. Diceva che il Comandamento si applica solo agli esseri umani. Sebbene insistesse su quest'affermazione, si trovò a corto di argomentazioni quando gli chiesi di spiegare razionalmente la sua posizione in proposito. E questo mi fece pensare...

Srila Prabhupada dice: Ma quando siete veramente al livello dell'amore per Dio, allora comprendete la vostra relazione con Lui: "Sono una parte integrante di Dio — e questo cane è anche lui una parte integrante di Dio. E così per tutti gli altri esseri viventi". Allora estenderete il vostro amore anche agli animali. Se davvero amate Dio, allora amate anche gli insetti, perché capite: "Questo insetto ha un tipo di corpo differente, ma anch'egli è parte integrante di Dio — è mio fratello". Samah sarvesu bhutesu: guardate con equanimità tutti gli esseri viventi. Allora non potete mantenere i mattatoi. Se mantenete i mattatoi, disobbedendo all'ordine che Cristo dà nella Bibbia "Non uccidere." — e vi dichiarate Cristiani, la vostra pretesa religiosità è semplicemente una perdita di tempo ...perché non amate Dio.

Spesso Prabhupada usa la frase "Non uccidere" presentando la coscienza di Krishna. È uno dei temi che ricorrono con maggior insistenza nei suoi libri e il lettore attento può trovare riferimento a quest'affermazione praticamente in ognuno di essi.* Il suo insistere sull'importanza di questo argomento risulta non solo dal numero di volte che vi fa riferimento, ma dalla forza e dall'intensità con cui Prabhupada lo richiama.

Alcuni esempi:
Non è vero che i leader di una nazione devono occuparsi soltanto degli esseri umani. Il significato di nazionalità è "nascere in una particolare nazione". Perciò anche la mucca ha una nazionalità. Allora perché la mucca viene macellata? La mucca dà il latte e il toro lavora per voi e allora perché li uccidete? Che filosofia è questa? Nella religione cristiana viene detto chiaramente: "Non uccidere." Nonostante questo la maggior parte dei mattatoi si trova nei paesi cristiani. (Da The Quest of Enlightenment, "La Misericordia del Signore Caitanya")

Dovrebbero vergognarsi: "Il Signore Gesù Cristo ha sofferto per noi, ma noi continuiamo nelle nostre attività peccaminose." Egli disse a tutti: "Non uccidere," ma essi continuano ad uccidere pensando: "Il Signore Gesù Cristo ci scuserà e si farà carico di tutti i nostri peccati. Questo è ciò che accade. (Da Perfect Questions, Perfect Answers, cap. 6)

Per quanto riguarda la religione cristiana, ci sono ampie possibilità per comprendere Dio, ma nessuno ne approfitta. Per esempio, la Bibbia contiene il Comandamento "Non uccidere", ma i Cristiani hanno costruito i più grandi mattatoi del mondo. Come possono diventare coscienti di Dio se non ubbidiscono al Comandamento del Signore Gesù Cristo? E questo accade non solo nella religione cristiana, ma in tutte le religioni. I nomi "induista", "musulmano" o "cristiano" sono soltanto etichette. Nessuno di loro sa chi è Dio e come amarLo. (Dalla Scienza della realizzazione spirituale: "Cos'è la Coscienza di Krishna?")

Gesù Cristo insegnava: "Non uccidere", ma i suoi seguaci ora hanno deciso: "Comunque uccidiamo" e aprono grandi, moderni e scientifici mattatoi. "Se questo è peccato, Cristo se ne farà carico." Questa è la più abominevole delle conclusioni. (Dalla Scienza della realizzazione spirituale, "Gesù Cristo era un Guru")

Se guardiamo tutti gli interventi di Prabhupada su questo argomento, quelli che spiccano di più si trovano nelle sue conversazioni con due rappresentanti del clero cristiano di grande fama: il cardinale Jean Danielou di Parigi e il padre Emmanuel Jungclaussen, un monaco benedettino della Germania occidentale. Poiché non c'è abbastanza spazio per riportare qui queste classiche conversazioni, al lettore si consiglia di consultare il libro di Prabhupada: La scienza della realizzazione spirituale dove sono riportate tutte e due queste interviste. In breve l'affermazione più importante di Prabhupada è che il Comandamento dovrebbe essere preso nel suo vero senso — uccidere è sbagliato, chiaro e semplice.

Giustificazioni della Bibbia per Uccidere

Ma coloro che conoscono bene la Bibbia potrebbero chiedere: e la legittima difesa e la pena di morte o quando l'uccisione è accidentale? La Bibbia prevede giustificazioni per questi casi escludendoli di conseguenza dagli ordini di questo Comandamento. Secondo la Bibbia anche i nemici di Israele possono essere uccisi. Allora dov'è la linea di confine? Se la prescrizione non comprende nemmeno tutti gli esseri umani, che speranza c'è di far rientrare gli animali nel suo campo?

Se si tiene presente la cultura ed il contesto storico in cui il Comandamento fu rivelato, con tutta probabilità il suo significato originale è: "Non uccidere, se non vi è necessità," per cui, come si è visto, la Bibbia ammette chiaramente alcune forme di uccisione. E queste probabilmente si concentrano sugli aspetti che riguardano l'uomo, piuttosto che gli animali. Comunque, tenuti presenti gli ideali di pace e di compassione contenuti nella tradizione giudeo-cristiana, è naturale estendere questo Comandamento a comprendere le creature inferiori, per cui la scienza moderna — in particolare le scienze della nutrizione — insegnano che non dobbiamo uccidere gli animali, neanche per cibarcene. Questi cibi non sono più ritenuti necessari all'uomo per mantenersi in buona salute.

Mark Mathew Braunstein, un erudito di notevole fama, è tra coloro che vedono nel Comandamento un chiaro ordine a non uccidere nessun essere vivente. Egli scrive: "Mosé l'inviato ha portato a noi l'ordine 'Non uccidere.' Punto e basta. Mentre quello che viene prescritto fa specifico riferimento alla sposa del vicino o ad onorare i genitori, la proibizione di uccidere non è specifica: afferma puramente e semplicemente di non uccidere".

Questo è un punto importante — gli altri Comandamenti indicano esattamente chi ricade nella loro giurisdizione o chi possa essere ritenuto loro beneficiario. Ma qui ci viene semplicemente detto di non uccidere, senza alcuna considerazione in merito. Questa è anche l'argomentazione di Prabhupada: se il Comandamento non specifica se si riferisce agli uomini e agli animali o soltanto agli uomini, allora perché interpretarlo? Perché non comprenderlo nel suo più semplice e diretto significato? Ma le persone insistono a fare interpretazioni e per questa ragione noi studieremo le parole in questione per vedere se riusciamo a trovare qualche ragionevole soluzione per questo dilemma.

Un Esame più Attento del Comandamento

Se vogliamo comprendere l'insistenza di Prabhupada su "Non uccidere" come base per una compassione universale e per il vegetarianesimo, è obbligatorio studiare il quinto Comandamento (Exodus 20.13) più attentamente. Secondo Reuben Alcalay, uno dei maggiori eruditi nel campo linguistico del ventesimo secolo e autore del The Complete Hebrew-English Dictionary, il Comandamento indica "qualsiasi tipo di uccisione". L'espressione ebraica originale, egli afferma, è Lo tirtzakh, che ci chiede di evitare ogni tipo di uccisione senza eccezione.

Se quello che egli dice è vero, possiamo analizzare il Comandamento in questo modo: "Non" non ha bisogno d'interpretazione. La parola controversa è "uccidere", comunemente interpretata come (1) privare della vita; (2) porre fine a; (3) distruggere la qualità vitale o essenziale di. Se ogni cosa che ha vita potesse essere uccisa, anche un animale potrebbe essere ucciso; secondo questo Comandamento, dunque, l'uccisione degli animali è proibita.

Il problema è che non tutti i manoscritti della Bibbia sono uguali. Tra i numerosi riferimenti a questo Comandamento nel Vecchio e nel Nuovo Testamento, alcuni di essi contengono sfumature leggermente diverse. I moderni eruditi ora tendono a interpretare "Non assassinare" come contrapposto a "Non uccidere". Perché gli eruditi arrivano a questa conclusione e qual è la vera differenza tra le due espressioni? Innanzitutto esaminiamo cosa dice veramente la Bibbia. La parola ebraica per "assassinare" è ratzakh, mentre la parola che traduce "uccidere" è haroq. Il Comandamento, in ebraico originale, in verità afferma: "Lo tirtzakh" (una forma di ratzakh) e non "Lo taharoq". In altre parole, "non assassinare" è contrapposto a "non uccidere." Allora perché Reuben Alcalay dice che tirtzakh indica "qualsiasi tipo di uccisione"?

Le Espressioni "Uccidere" E "Assassinare" nella Tradizione Biblica

La differenza tra queste due espressioni — "uccidere" e "assassinare" — è più dovuta all'uso moderno che ai testi originali: la distinzione tra queste due parole può essere stata diversa ai tempi biblici. In verità, la Bibbia appare contraddittoria a questo proposito e così anche i suoi traduttori. The Harper Collins Study Bible, che è la New Revised Standard Version e la versione usata dall'Associazione della letteratura biblica, interpreta il Comandamento come "non assassinare", ma riporta una nota in calce che dice "oppure uccidere". The New Oxford Annotated Bible fa lo stesso.

La versione della Bibbia di Re Giacomo ed altre troppo numerose per ricordarle traducono il verso con "non uccidere", mentre altri continuano ad andare avanti e indietro, passando da "uccidere" ad "assassinare" e dopo qualche anno cambiano nuovamente. Forse la versione più importante che usa la parola "uccidere" invece di "assassinare" è The Holy Bible: From Ancient Eastern Manuscripts. Questa opera è basata sulle prime edizioni del testo e fa uso di rari frammenti aramaici. Qui troviamo che il verso dell'Esodo è inequivocabilmente tradotto come "non uccidere", sebbene una lunga introduzione spieghi perché i traduttori benpensanti potrebbero scegliere diversamente. Il rabbino Joseph Telushkin tratta uno dei molti pericoli insiti nell'interpretare la parola come "uccidere":

Se il Comandamento fosse letto "non uccidere", potrebbe suggerire che ogni uccisione è illegale compresa quella per autodifesa. In verità, alcuni gruppi religiosi come i Testimoni di Geova prendono questa posizione ed impongono ai propri componenti di rifiutare il servizio militare (durante la seconda guerra mondiale in Germania i Testimoni di Geova rifiutarono di combattere per i Nazisti, mentre i loro correligionari americani rifiutarono di combattere contro di loro).

Queste problematiche sono riservate ai traduttori e ai commentatori della Bibbia e mentre questi possono avere opinioni diverse se usare "uccidere" o "assassinare" adducendo una molteplicità infinita di argomentazioni, una cosa è certa: nell'uso corrente, le due parole hanno significati diversi. Secondo lo Webster's New Universal Unabridged Dictionary, il significato di "uccidere" è chiaro e la sua definizione è stata data precedentemente. "Assassinare" è invece più complicato. Webster lo definisce in termini legali. La sua prima definizione come sostantivo è "la illecita e malvagia o premeditata uccisione di un essere umano da parte di un altro"; come verbo viene definito come "uccidere (una persona) illecitamente e con malvagità." Queste sono le prime definizioni. Se osserviamo le successive troviamo "uccidere senza umanità e barbaramente, come in tempo di guerra", oppure "distruggere; porre fine a".

Nella sua conversazione con Padre Emanuel, Prabhupada ammette che "assassinare" si riferisce agli uomini e questo deriva dalle prime definizioni sopra riportate. Ma chi dà la definizione di queste parole? Poiché gli animali non hanno gli stessi diritti degli uomini, per lo meno nelle società occidentali contemporanee, essi sono esclusi dalla definizione di assassinio e quindi togliere loro la vita non è considerato illegale. Ma se noi guardiamo da un punto di vista pratico all'assassinio — a quello che realmente è aldilà delle formulazioni di legge — c'incontriamo con la seconda definizione di "assassinare", data precedentemente. Entrambe le quali possono essere applicate agli animali. I pedanti possono aggrapparsi strettamente alle prime definizioni, dicendo che assassinare si riferisce soltanto agli uomini e con questo il problema viene chiuso. Ma come a prevenire questa interpretazione, la Bibbia ci dice: "Colui che uccide un bue è come se uccidesse un uomo." (Isaia 66.3) Forse questo suggerisce un più stretto legame tra "uccidere' e "assassinare".

Un'Ampia Definizione di "Assassinio"

Inoltre, i commentatori tradizionali della Bibbia definivano "assassinare" in un modo che è più ampio delle odierne definizioni formali, inserendovi sottili attenuazioni dovute ad una sincera compassione. Nel commento del verso 20.13 dell'Esodo i primi eruditi ebrei scrivono come segue: "I saggi comprendevano nella definizione di "spargimento di sangue" sia l'imbarazzante situazione di un essere umano che in pubblico perde sangue dal viso, sia il non fornire situazioni di sicurezza ai viaggiatori provocandone la perdita della vita. Si può uccidere con la mano o con la lingua, con la maldicenza o in qualità di assassino. Si può uccidere per mancanza di cure, per indifferenza ..."

Dunque l'interpretazione rabbinica del Comandamento comprende di più del semplice togliere la vita. Oppure, per dirla in altro modo, accettare la definizione giudea di assassinio va oltre i confini standard della parola. Non sarebbe dunque irragionevole comprendere l'uccisione degli animali — che comporta di togliere loro la vita — all'interno del generale significato di assassinio, perché questo in qualche modo costituirebbe una forzatura minore di altre interpretazioni che si trovano tradizionalmente nelle definizioni convenzionali della parola.

Ma c'è di più. Quando Prabhupada fa riferimento al Comandamento "non uccidere", in generale lo cita come "il Comandamento di Gesù Cristo", oppure lo fa precedere da: "Gesù dice." Questo è significativo. In effetti, nel Nuovo Testamento la lettura di questo Comandamento tende ad espandersi oltre la sua originale definizione: Luca (18.20), Marco (10.19) e Matteo (5.21), tutti esortano i fedeli ad andare oltre la comprensione convenzionale di questo Comandamento. Per dare solo un esempio, prendiamo in considerazione il Vangelo di Matteo: "Avete sentito cosa era stato detto a coloro che vissero nei tempi antichi: 'Non assassinare'; e 'chiunque assassina sarà sottoposto a giudizio'. Ma io vi dico che se voi siete in collera con un fratello o una sorella, voi sarete sottoposti a giudizio; e se voi offendete un fratello o una sorella ..."

In altre parole non si parla più di "uccidere", ma di maltrattamenti. Vero, innanzi tutto questi insegnamenti guidano i rapporti umani. Ma se si tengono presenti gli ideali biblici sulla dieta originale dell'uomo, che era vegetariana (vedi Genesi 1.29) e la visione finale d'Isaia (11.6-9) — che tutte le creature un giorno vivranno insieme in pace — è evidentemente auspicabile che l'uomo cominci a trattare i suoi coabitanti del pianeta con dignità e rispetto. Può cominciare con non ucciderli.

La Compassione Secondo il Senso Comune

Questo è il punto principale di Prabhupada: in qualunque modo gli antichi profeti ebrei e i loro attuali rappresentanti interpretino la parola "uccidere", una persona religiosa dovrebbe essere capace di appellarsi al senso comune e all'innata compassione umana — non si deve uccidere nessun essere vivente senza una vera necessità. Prabhupada è del parere che una persona che pratica la religione, in particolare, dovrebbe essere dotata di buon senso, carattere e purezza di scopi per sapere che togliere la vita non è affare nostro. Non abbiamo il potere di creare la vita di un animale e perciò non abbiamo il diritto di toglierla. La comprensione di Prabhupada di "non uccidere" è così chiaramente legittimata — specialmente alla luce della ristrutturazione del Comandamento che si trova nel Nuovo Testamento. Questo sta a significare che i moderni mattatoi sono contro il vero spirito dell'intera tradizione ebreo-cristiana della religione in generale — che cerca di abolire le ingiustificate uccisioni e di stabilire un'armonia ed amore universali in tutta la creazione.

Quest'articolo è stato tratto dal libro dell'autore: Holy Cow: The Hare Krishna Contribution To Vegetarianism and Animal Rights, pubblicato nei Lantern Books ed è disponibile presso Krishna.com.Store.

 Satyaraja Dasa, discepolo di Srila Prabhupada, contribuisce regolarmente a BTG. Ha scritto più di venti libri sulla Coscienza di Krishna. Vive vicino a New York City con la moglie e la figlia.

Studio sulla Bhagavad-gita


Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavadgita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY
  • 1
  • 2
Prev Next

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...