Cerca

GTranslate

Header-Prabhupada

A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada: Fondatore e Acarya della I.S.K.Con. e della B.B.T.
Le Loro Signorie: Sri Sri Nitai Gauranga
Le Loro Signorie: Sri Sri Radha Ramana
Le Loro Signorie: Sri Jagannatha, Sri Baladeva e Srimati Subhadra.
Il tempio di Sri Sri Radharamana al Villaggio Hare Krishna
La Murti di Srila Prabhupada.

YouTube

youtube

Chi siamo
Assistenza sociale completa
IMAGE
Un’Assistenza Sociale Completa di Caitanya Carana Dasa Perché il movimento per la...
Finalità Iskcon
IMAGE
Finalità della ISKCON La I.S.K.Con. (Associazione Internazionale per la Coscienza di...
Il dono incomparabile
IMAGE
Il dono incomparabile Benché oggi gli scienziati abbiano sviluppato una tecnologia...
Il movimento Hare Krishna
IMAGE
Il Movimento Hare Krishna Il Movimento per la Coscienza di Krishna (conosciuto oggi anche...
Vaisnavismo
IMAGE
A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada. Storia e filosofia della Coscienza di Krishna, dalle...
Karma e Reincarnazione
Darwin e il darwinismo
IMAGE
Srila Prabhupada su: Darwin e il Darwinismo Una selezione di citazioni tratte dai libri,...
Dove la scienza incontra l'anima
IMAGE
ESPERIENZE DI PRE-MORTE Dove la Scienza Incontra L’Anima La ricerca scientifica sulle...
Karma e reincarnazione
IMAGE
KARMA & REINCARNAZIONE "Nella società umana, se un uomo uccide un altro uomo viene...
La reincarnazione
IMAGE
La reincarnazione Può sembrare che ciò che si pensa riguardo a quello che succede dopo...
Metempsicosi
IMAGE
Metempsicosi   "I principi della reincarnazione" L'autore, Svarupa Damodara Gosvami...
Viviamo più di una volta?
IMAGE
Viviamo più di una volta?   La storia di una bambina del Bengala sembra portare...
Vegetarianesimo
Dieta da pianeti spirituali
IMAGE
Una corretta alimentazione, un'economia equilibrata e una coscienza chiara sono solo...
Krishna-prasadam
IMAGE
Krishna Prasadam Uno dei servizi pubblici più importanti del movimento per la coscienza...
La dieta perfetta
IMAGE
La dieta perfetta Quando mangiamo come mangia Krishna, sappiamo di mangiare nel modo...
Oltre il vegetarianesimo
IMAGE
Oltre il vegetarianesimo Recentemente ho ricevuto una telefonata interessante. Una mia...
Quando il cibo diventa prasadam?
IMAGE
Quando il cibo diventa prasadam? Seguendo regole appropriate chiunque può trasformare il...
In evidenza
Che cos'è la Coscienza di Krishna?
IMAGE
  Che cos'è la Coscienza di Krishna? Culto indù o cultura d'ispirazione divina? In...
La Parampara
IMAGE
    La Parampara Parampara: Conoscenza attraverso la succesione di maestri...
Praticare a casa
IMAGE
Praticare la coscienza di Krishna nella propria casa. Questo è un condensato di...

26 LUGLIO 2017 - Scomparsa

 VamsiDasBabaji

Sri Vamsi Dasa Babaji

Vamsidasa Babaji era un siddha-mahatma appartenente alla successione disciplica di Sri Narottama Dasa Thakura. Il nome del suo diksa-guru era Harilal Vrajavasi e il nome del suo vesa-guru era Ramananda Vrajavasi. Era molto difficile riconoscerlo come siddha perché, vivendo in un luogo solitario sulle rive del Gange vicino a Baral Ghata, Navadvipa, e sembrando un emarginato del mondo, ai più appariva come un inutile ed idiota indigente. Ma il fatto era che non era il mondo ad aver rinunciato a lui, ma era lui che aveva rinunciato al a questo inutile mondo.

Non aveva praticamente beni terreni e i suoi unici possedimenti erano un paio di vecchie kaupina, karanga e kantha (indumenti intimi dei rinunciati). Una volta Sripada Haridasa Gosvami gli chiese come mai non indossasse bahirvasa. Lui rispose: "Io vivo solo con 'ka', che significa kaupina, karanga e kantha. Non ho nulla a che vedere con 'ba', che significa bahirvasa o indumenti esteriori. Bahirvasa porta ad avere relazioni con il mondo esterno e le persone che sono bahiranga ovvero persone che sono attaccate a questo mondo. Il mio Signore, Sri Gaura, mi ha chiesto di non indossare bahirvasa e di non associarmi con le persone che sono bahiranga".

Vamsidasa Babaji Maharaja, viveva nel suo mondo che era tutto concentrato sulle sue divinità, Radha-Gadadhara, Nitai, Radha-Krishna e Gopala. Per servirLe aveva due pentole di ottone, alcune di terracotta, un piatto, un bicchiere, un panca patra, una conchiglia, una campanella e nient'altro.

Baba trascorreva giorno e notte immerso nel servizio delle sue Divinità con le quaLi intratteneva dolci discorsi. Al mattino presto usciva dal suo kuti per andare a collettare vegetali e fiori freschi. Verso mezzogiorno tornava e preparava una ghirlanda per ogni Divinità (sei in totale) e poi cominciava a preparare le verdure, quindi puliva il riso controllandolo chicco per chicco. Tutto ciò avveniva lentamente perché mentre faceva queste cose era assorto nei lila di Radha-Krishna o Gaura-Nitai e, a volte cantava o discorreva con Loro.

Solo a tarda sera riusciva ad offrire la bhoga; lui non aveva coscienza del tempo. Mattino e sera, giorno e notte, non avevano significato per lui ma per la maggior parte della notte lui era sveglio e parlava con le Divinità oppure cantava.

Una volta Sripada Haridasa Gosvami rimase sorpreso nel vederlo cucinare per le Divinità alle nove del mattino così non perse l'occasione e gli disse: "Baba, sarebbe una bella cosa se tu cucinassi per le Divinità a quest'ora tutti i giorni". Vamsi Dasa Babaji rispose: "Io non conosco mattina o sera. Sono forse il servitore del padre così da dover servire i pasti ad ore prefissate? Se Loro vogliono mangiare ad ore fisse, facciano pure gli arrangiamenti necessari per cucinare. Gadadhara può cucinare per Gaura, Nitai è un avadhuta, senza casta, quindi può andare a mangiare dove vuole. Per Gopala non mi preoccupo, un po' di latte lo trovo ogni giorno e Lui può vivere di quello. Mi devo preoccupare solo di Radha-Krishna. Per Loro cucino un po' di riso e un po' di vegetali, ma se Loro non vogliono, possono andare a fare madhukari a Vrindavana".

Molte storie simili si conoscono a riguardo di Vamsi Dasa Babaji ma non si hanno notizie della sua vita di famiglia eccetto che lui si sposò molto giovane e che suo figlio Haracandra prese sannyasi all'età di nove anni. Lui si trasferì a Navadvipa verso il 1906. L'autore di questo libro cercò d'incontrare Vamsi Dasa Babaji  nel 1932 ma non ci riuscì in quanto trovò la porta del suo kuti chiusa a chiave. Nonostante la porta fosse chiusa potè però distintamente udire che Baba stava parlando con le sue Divinità in dialetto Mayamansinha.

Verso la fine della sua vita Baba una volta si recò al suo paese natale, Majitpur nel distretto Maymansinha. Portò con sè le sue Divinità e durante il viaggio non mangiò, non dormì, non passò escrementi ed urina. Una volta raggiunto Majitpur si sistemò in un tempio decrepito. Poi proseguì il viaggio andando a Vrindavana e a Puri. A Vrindavana si sistemò sulle rive della Yamuna e a Puri sulle rive del Narendra Sarovara. Lui non entrò mai in un tempio per il darsana. Durante questi viaggi i sadhus della Gaudiya Math gli resero grandi servizi.
Vamsi Dasa Babaji Maharaja lasciò questo mondo nel 1944.

(Estratti da OBL Kapoor’s - confratello di Srila Prabhupada - “I Santi del Bengala”)

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

  • Bhagavad-gita cosi' com'e' - Il Verso di Oggi e': B.G. - 03.37

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Sostieni anche tu il Movimento di Sri Caitanya

Con un piccolo sforzo otterrai un grande risultato!