Cerca

GTranslate

Menu Principale

Ricorrenze del mese

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

  • Bhagavad-gita cosi' com'e' - Il Verso di Oggi e': B.G. - 07.15

22 GENNAIO 2018 - Apparizione

visnupriya

Srimati Visnupriya Devi

Il Signore Supremo possiede tre diverse sakti interne (potenze), Sri, Bhu e Nita. Bhu sakti apparve come Srimati Visnupriya Devi nei ​​Gaura lila (divertimenti) per assistere il movimento del sankirtana di Sri Caitanya. Il Re Satrajit, il padre di Satyabhama nei Krishna lila, apparve nei Gauranga lila come il brahmana Sanatana Mishra, il padre di Visnupriya Devi.

Srimati Visnupriya Devi traboccava di tutte le buone qualità. La sua bellezza superava quella  della dea della fortuna. Era servizievole con i suoi genitori e doverosamente impegnata nel seguire le ingiunzioni scritturali. Regolarmente adorava Tulasi Devi, e osservava voti di austerità, come fare il bagno tre volte al giorno nel Gange.
 
Ogni volta che Visnupriya incontrava Saci Mata al Gange s'inchinava umilmente ai suoi piedi. Saci Devi pensò spesso che la casta e bella Visnupriya sarebbe stata una sposa ideale per suo figlio Nimai. Dopo che Laksmipriya Devi, la prima moglie di Sri Caitanya, "morì nella separazione dal Signore," Nimai Pandit sposò Srimati Visnupriya Devi. Il Caitanya Mangala e il Caitanya Bhagavata danno un'elaborata descrizione di questo felice matrimonio.

Buddhimanta Khan, un ricco proprietario terriero, donò tutte le spese dell'opulento matrimonio alla reale Coppia Divina, Vishnupriya e Sri Pandit Nimai. Tutte le persone di Navadvipa e dei villaggi vicini vennero al matrimonio. Durante la cerimonia tutti gli occhi erano puntati sulla coppia divina, come per divorare la bellezza incomparabile di Visnupriya e di Nimai Pandit.

I vaisnava cantavano le glorie di Hari. I brahmana avevano fatto un cerchio attorno al Signore e cantavano i Veda. Un mare di gioia invase le quattro direzioni. Coloro che non annegavano in quest'oceano di gioia, semplicemente galleggiavano nella beatitudine. Vrindavana Dasa Thakura descrive solo i passatempi Visnupriya riguardanti il matrimonio.
 
Nel Caitanya Mangala, Locana Dasa Thakura racconta i divertimenti che non sono menzionati altrove. Egli narra soprattutto la toccante conversazione che il Signore Gauranga ebbe con Visnupriya Devi la sera del giorno prima che lo vide prendere il sannyasa.

"Con voce rotta dall'emozione, Visnupriya disse: 'Dimmi, o Prananatha (Signore della mia vita), è vera la voce che ho sentito che Tu prenderai il sannyasa e che quindi mi lasci? Se perdo la Tua associazione potrei anche porre fine alla mia vita bevendo del veleno".

Rispondendo con dolci e compassionevoli parole, Sri Gaura Raya disse: "Visnupriya, Mi sei cara come la vita stessa, non vi è alcuna necessità di preoccuparsi, per favore ascolta quello che ti sto per dire perché ti sarà d'aiuto. L'unica verità in questo mondo sono Bhagavan e i vaisnava; tutto il resto è illusione. Padri, madri, figli, i rapporti tra uomini e donne... sono tutti illusori. Krishna è il maestro, il vero marito di tutti. Non lamentarti e non preoccuparti, o Visnupriya; perciò realizza il vero significato di Visnupriya e pensa sempre a Krishna nel tuo cuore".
 
Allora Sri Gaurasundara mostrò la Sua forma a quattro braccia che aiutò Visnupriya a comprendere la Sua posizione assoluta. Vedendo ciò, Visnupriya vinse il dolore e la sofferenza. Si sentiva felice. Questa visione e le istruzioni di Mahaprabhu rimossero il suo smarrimento, ma lei mantenne comunque la mentalità di avere il Signore come suo marito.
 
Singhiozzando cadde ai piedi di Sri Caitanya e disse: "Ti prego di accettare la mia umile sottomissione. Tu sei il Signore più caro della mia vita, la mia unica ricchezza. Senza di Te e senza il Tuo servizio non possiedo nulla".
 
Il Signore Gauranga abbracciò Visnupriya e con i suoi occhi le diede la Sua misericordia e le disse: "Io viaggerò qua e là, ma ovunque io andrò, sarò sempre con te".

Comprendendo la natura estremamente indipendente del Signore Gaura, Visnupriya disse: "Devi fare quello che ti rende felice mio Signore. Che nessuno possa essere d'ostacolo alla Tua missione divina". (Caitanya Mangala)

Dopo che Sri Nimai Pandit ebbe lasciato Navadvipa, Visnupriya adottò una vita devozionale austera e diventò così, sottile come la falce della luna prima di Amavasya (luna nera). A seguito del rigido sadhana (pratica spirituale) intrapreso, lei metteva da parte un chicco di riso per ogni giro di maha-mantra Hare Krishna cantato sul japa. La sera, Visnupriya Devi cucinava quei grani e li offriva alla divinità personale di Mahaprabhu, e poi ne onorava i resti. Conosciuta oggi come Dhamesvara Mahaprabhu, la splendida Divinità di Visnupriya, di Sri Gauranga Mahaprabhu, risiede nella città di Navadvipa. Sriman Mahaprabhu riceve regolare culto e adorazione e dà misericordia senza limiti.

Please publish modules in offcanvas position.

img { margin: 0 auto; }