Cerca

GTranslate

Menu Principale

Ricorrenze del mese

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY

4 FEBBRAIO 2018 - SCOMPARSA e 19 FEBBRAIO 2018 - Apparizione

Purushottama-Dasa-Thakura

Sri Purusottama Das Thakura

sadasivasuto namna nagarah purusottamah
vaidya-vamsodbhavo namna dama yo vallavo vraje

Nagara Purusottama era conosciuto come il pastorello di Vrindavana di nome Daman. Ora è nato in una famiglia Vaidya come figlio di Sadasiva. (Gaura-ganoddesha-dipika 131)

Daman è stato uno dei dodici Gopala, compagno di Krishna nei Suoi divertimenti d'infanzia di Vraja. Nell'undicesimo capitolo della Sri Caitanya Caritamrita, Adi-lila, Krishna Das Kaviraj Gosvami, elenca Purusottama Das tra i devoti di Sri Nityananda.

Sadasiva Kaviraj e suo figlio Purusottama Das, che era il decimo Gopala, erano rispettivamente il ventitreesimo e il ventiquattresimo devoto importante di Nityananda Prabhu.  Fin dalla nascita Purusottama Das era immerso nel servizio dei piedi di loto di Sri Nityananda Prabhu ed era sempre impegnato nei giochi d'infanzia con Sri Krishna. (Caitanya Caritamrita Adi Lila 11.38-39)

Anche Vrindavana Dasa Thakura ha citato Purusottama Das come uno dei principali associati di Sri Nityananda Prabhu. Sadasiva Kaviraj fu molto fortunato ad avere un figlio come Purusottama Das. Siccome Purusottama Das non aveva la coscienza esteriore del corpo, Sri Nityananda Prabhu costantemente agiva attraverso di lui. (Caitanya Bhagavata 3.5.741-2)

Per quattro generazioni la famiglia di Purusottama Das ha manifestato perfetti associati diretti di Mahaprabhu: Kamsari Sen, Sadasiva Kaviraj, Purusottama Thakur e Kanu Thakur. Il Gaura-gannodesa-dipika identifica Kamsari Sen come Ratnavali Sakhi e Sadasiva Kaviraj come Candravali (156).

La moglie di Purusottama Thakur si chiamava Jahnava Devi. Lei se ne andò da questo mondo mentre suo figlio Kanu Thakur era ancora un bambino; poi Nityananda Prabhu lo chiamò Sishu Krishna Das. Si dice che la moglie di Nityananda Prabhu, Jahnava Devi, abbia adottato Kanu e che lo portò con sé a Vrindavana. Qualcuno dice che anche lui era uno dei dodici Gopala. Una leggenda dice che un giorno, quando Kanu Thakur si trovava a Vrindavana, mentre stava danzando nel kirtan, un campanellino della cavigliera volò via. Lui promise che avrebbe stabilito la sua residenza ovunque fosse stato ritrovato il campanellino. In seguito, a Bodhkhana nel distretto di Jessore fu ritrovato il campanellino e lui vi stabilì il suo Sripat. Secondo il parere di qualcuno, Madhavacarya (Madhava Cattopadhyaya) di Jirat, nel distretto di Hooghly, il marito di Ganga Devi, la figlia di Nityananda Prabhu, era discepolo di Purusottama Thakur.

Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura, riguardo allo Sripat di Purusottama Thakur, disse che lui era vissuto a Sukhasagara, a metà strada tra il Chakdaha e la stazione ferroviaria di Simurali. Lui installò delle divinità nel villaggio di Beledanga, ma quando il tempio franò nel fiume lì vicino, le divinità furono portate a Sukhasagara. Ma anche questo tempio fu inghiottito dal Gange ed allora le divinità furono trasferite, insieme alle divinità di Jahnava Mata, a Sahebdanga Berigram. Ma anche quel luogo fu distrutto ed allora tutte le divinità furono portate a circa quattro chilometri di distanza, nel villaggio chiamato Chanduregram, sulle rive del Gange a poco più di un chilometro da Pal Para. (Anubhasya 1.11.39)

Devakinandana Das, l'autore del Vaisnava-vandana, era discepolo di Purusottama Das Thakur. Egli scrive: "Adoro Sadasiva Kaviraj con grande attenzione. Egli era costantemente inebriato dall'amore per Dio e non aveva coscienza esterna... m'inchino al mio adorabile signore, Purusottama Thakur. Chi può elencare le sue incomparabili qualità? E' stato misericordioso con coloro che erano privi di virtù mostrando così la natura della sua potente compassione. All'età di solo sette anni lui era così intossicato dall'amore per Krishna che danzò in un modo tale che incantò il mondo intero".

Le seguenti informazioni sono tratte dal Gaudiya-Vaishnava Abhidhana:

"Alcuni dicono che il cognome di Purusottama Das era Nagar mentre altri dicono che questo nome derivi dal fatto di aver vissuto in quella zona. Siccome i cinque paesi (Beledanga, Berigram, Sukhasagra, Manasapota e Pal Para) sono così vicini, questa zona è chiamata a volte Nagaradesh. Una volta Purusottama Das bevve del veleno di serpente ed entrò in uno stato di trance senza sperimentare alcun disagio fisico o malattia. Tutti coloro che furono testimoni del fatto rimasero completamente allibiti. Molti degli associati intimi di Sri Nityananda Prabhu, a volte, manifestavano dei poteri miracolosi.

Please publish modules in offcanvas position.