Perché sostenere la I.S.K.Con.?

Qualunque cosa tu faccia...
Qualunque cosa tu faccia...
qualunque cosa tu mangi, sacrifichi od offri in carita', come pure le austerita' che compi - offri tutto a Me, o figlio di Kunti. (B.G. - 9.27)
Leggi
Qualunque sia il metodo...
Qualunque sia il metodo...
adottato per servire Krishna, si deve rinunciare ai frutti del proprio lavoro cioe' si devono impiegare i risultati delle proprie attivita' (karma) per una buona causa. (Srila Prabhupada)
Leggi
Ogni uomo dovrebbe...
Ogni uomo dovrebbe...
dare in carità il 50% dei suoi guadagni al servizio di una buona causa e, secondo i testi sacri, questa causa è la Coscienza di Krishna. (Srila Prabhupada)
Leggi
Chiunque puo' sacrificare una...
Chiunque puo' sacrificare una...
parte dei frutti delle sue azioni per la diffusione della Coscienza di Krishna; questo servizio volontario lo aiutera' a sviluppare il suo amore per Dio e raggiungere cosi' la perfezione. (Srila Prabhupada)
Leggi

separatore iskcon

29 APRILE 2017

JB&S candanayatra

 

Candana Yatra

 

Il candana-yatra inizia il terzo giorno della luna crescente del mese di Vaisakha e si protrae per ventuno giorni. Sri Jagannatha diede istruzioni dirette, al re Indraduymna, di iniziare il festival proprio in questo giorno. Spalmare il corpo del Signore con unguenti è un atto di devozione e il miglior unguento è la pasta del legno di sandalo. In India, durante il mese di Vaisakha, fa già molto caldo e l'effetto rinfrescante della pasta di legno di sandalo è molto piacevole per il corpo del Signore.

La pasta di legno di sandalo viene applicata su tutto il corpo di Sri Jagannatha lasciando visibili solo gli occhi. Le utsava-murti (Vijaya-murti o le murti più piccole) vengono portate in processione dopo averLe messe su di una barca all'interno del laghetto formato all'interno del tempio. Per commemorare questo festival, Sri Caitanya Mahaprabhu effettuava anche Lui, in compagnia dei Suoi devoti, degli sport acquatici.

 

L'origine della festa

Una notte, mentre si trovava a Govardhana, Madhavendra Puri sognò che la Divinità di Gopala era nella foresta. Il mattino dopo invitò tutti i suoi amici del vicinato affiché lo aiutassero per cercare di riportare alla luce la Divinità sepolta nella jungla. Poi installò la Divinità di Sri Gopalaji in cima alla collina Govardhana con grande sfarzo. Essi adorarono Gopala e celbrarono la festa detta Annakuta.

La notizia della festa si diffuse e molte persone dei villaggi vicini accorsero per partecipare alle celebrazioni. Una notte la Divinità di Gopala apparve di nuovo in sogno a Madhavendra Puri e gli chiese di andare a Jagannatha Puri per prendere della polpa di sandalo da spalmare sul corpo della Divinità.

Per eseguire quest'ordine, Madhavendra Puri partì immediatamente verso l'Orissa. Viaggiando attraverso il Bengala, raggiunse il villaggio di Remuna e ricevette un contenitore di latte condensato (ksira) che era stato offerto alla Divinità di Gopinathaji. Questo latte condensato era stato rubato da Gopinatha per Madhavndra Puri. Da quel momento la Divinità di Gopinatha è famosa come ksira-cora-gopinatha, la Divinità che rubò il latte condensato.

Dopo essere giunto a Jagannatha Puri ottenne dal re il permesso di esportare un mana (37 Kg) di legno di sandalo e trecento grammi di canfora. Con l'aiuto di due uomini portò queste cose a Remuna. Là di nuovo vide in sogno che Gopala, sulla collina Govardhana, desiderava che il legno di sandalo fosse ridotto in pasta insieme alla canfora e spalmato sul corpo di Gopinathaji.

Poiché aveva compreso che in questo modo avrebbe soddisfatto la Divinità di Gopala a Vrindavana, Madhavendra Puri eseguì l'ordine e tornò a Jagannatha Puri.

Un mese prima del festival, i devoti del tempio Iskcon di Vrindavana, macinano il legno di sandalo (circa 100Kg) per ricavarne la pasta da spalmare sulle meravigliose Divinità durante il festival del candana-yatra. Il primo giorno del festival, un gruppo qualificato di devoti pujari, dalle 14:45  fino alle 16:30, spalma i corpi delle Loro Signorie con grande amore e devozione. Avendo avuto poi un meraviglioso darsan, non possiamo far altro che, unanimamente, ringraziare tutti i devoti che hanno partecipato a rendere il festival del candana-yatra un evento di successo.

Qui di seguito un verso della Sri caitanya Caritamrita che spiega molto chiaramente la ricorrenza. (Traduzione e spiegazione di Sua Divina Grazia A. C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada)

 

C.C. Madhya-lila 4.106

gopala kahe, puri amara tapa nahi yaya
malayaja-candana lepa’, tabe se judaya

 

Traduzione

 

“[In sogno Madhavendra Puri vide Gopal che gli disse:] "La temperatura del Mio corpo non è ancora diminuita. Per favore, vai a Prendere del legno di sandalo dalla provincia di Malaya, fanne una pasta e spalmala sul Mio corpo per rinfrescarMi".”

Spiegazione

La Divinità di Gopala era rimasta seppellita nella giungla per molti anni, e sebbene durante l'installazione Le fossero stati offerti migliaia di secchi d'acqua, sentiva ancora molto caldo. Chiese dunque a Madhavendra Puri di portarLe del legno di sandalo dalla zona di Malaya. Il sandalo di Malaya è molto famoso. Questa provincia è situata sul ghata occidentale, e talvolta la collina Nilagiri è detta anche collina Malaya.

Il termine malaya-ja è usato per indicare il legno di sandalo che viene prodotto nella zona di Malaya. Talvolta il termine Malaya è riferito all'odierna Malesia. Un tempo anche in questa zona si produceva legno di sandalo, ma ora sembra hce si trovi più conveniente coltivare alberi della gomma. Benché una volta in Malesia prevalesse la cultura vedica, oggi tutti gli abitanti sono musulmani. Oggi la cultura vedica è andata persa in Malesia, a Java e in Indonesia.

Studio sulla Bhagavad-gita


Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavadgita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY
  • 1
  • 2
Prev Next

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...