Cerca

chisiamo

Chignolo d'isola - Villag. Hare Krishna (BG)
Lun -Dom: 4:30 - 21:00


Srimati Sita Thakurani

Srimati Sita Thakurani

SitaThakurani

01 SETTEMBRE - Apparizione

Srimati Sita Thakurani deve essere adorata tanto quanto Sacidevi stessa, come la madre dell'universo. È la moglie eterna di Sri Advaita Acharya. Era la figlia di Sri Nrishinga Baduri e si sposò con Sri Advaita Acharya a Phuliya Nagara.

Dopo il loro matrimonio, Advaita Acharya andò a Nadiya, a vivere a Shantipura. Sita Thakurani era sempre assorta nel vatsalya prema per Sri Gaurasundara Prabhu e, per la preoccupazione dei genitori, istruiva Jagannatha Mishra su come prendersi cura del ragazzo.

Sri Krishna Dasa Kaviraja Goswami ha descritto la celebrazione della nascita nella casa di Jagannatha Mishra all'avvento del Signore, prestando particolare attenzione alla posizione di Sri Sita Thakurani. La moglie di Advaita Acharya, venerabile da tutti e tre i mondi, era Sita Thakurani. Prendendo sul proprio capo gli ordini dell'Acharya, era venuta a far visita a questo nuovo bambino, a questo gioiello dei gioielli, ed a offrirgli dei regali.

Alla vigilia dell'avvento di suo figlio, Sri Jagannatha Mishra, vedendo i segni imminenti dell'arrivo di suo figlio, mandò a dire ad Advaita Acharya a Shantipura che il bambino tanto atteso stava nascendo. Sentendo la notizia dell'avvento di questo bambino senza precedenti, Advaita Acharya fluttuava tra le onde dell'estasi. Con Sri Haridasa Thakura andò a fare il bagno nel fiume e, dopo molte danze e canti, mandò sua moglie rapidamente a Mayapura. Secondo il Gaura-Ganodesha-Dipika, Sri Sita Thakurani è Yogamaya. Il Gaura-Parshada-Charitvali dice che nel Krishna Lila era Purnamasi, la madre di Sandipani Muni, nonna di Madhumangal e Nandimukhi e discepola di Narada Muni. (Gaura-Ganodesha-Dipika, tuttavia, dice che Paurnamasi nel Krishna-lila divenne Sri Govinda Acharya in Chaitanya lila.)

Nel Dvapara-yuga, durante la celebrazione della cerimonia della nascita di Krishna, era presente nella casa di Nanda e in quel momento diede a Nanda e Yashoda molte istruzioni su come prendersi cura del bambino. La Caitanya-Caritamrita fornisce il seguente resoconto della visita di Sita Thakurani alla casa di Jagannatha Mishra dopo la nascita del Signore: "Un giorno, poco dopo la nascita di Sri Caitanya Mahaprabhu, la moglie di Advaita Acharya, Sitadevi, che è adorata dal mondo intero , preso il permesso del marito, andò a trovare quella bambina più in alto con tutti i tipi di doni e regali.

Portava diversi tipi di ornamenti d'oro, inclusi braccialetti per la mano, bracciali, collane e cavigliere. C'erano anche chiodi di tigre incastonati d'oro , decorazioni in vita di seta e pizzo, ornamenti per mani e gambe, sari di seta graziosamente stampati e una veste da bambino, anch'essa in seta. Per il bambino furono presentate anche molte altre ricchezze, comprese monete d'oro e d'argento. Cavalcando su un palanchino coperto di stoffa e accompagnata da ancelle, Sita Thakurani giunse a casa di Jagannatha Mishra, portando con sé molti articoli di buon auspicio come erba fresca di risaia, gorocana, curcuma, kunkuma e legno di sandalo. Tutte queste presentazioni hanno riempito un grande cestino.

Quando Sita Thakurani venne a casa di Sacidevi, portando con sé molti tipi di cibo, vestiti e altri doni, rimase stupita nel vedere il bambino appena nato, poiché apprezzò che, a parte una differenza di colore, il bambino era direttamente Krishna di Gokula stesso. Vedendo lo splendore corporeo trascendentale del bambino, ciascuno dei suoi arti ben costruiti, pieno di segni di buon auspicio e simile a una forma d'oro, Sita Thakurani fu molto contenta e, a causa del suo affetto materno, si sentì come se il suo cuore si stesse sciogliendo. Benedisse il bambino appena nato ponendogli erba fresca di risaia sul capo e dicendo: "Possa tu essere benedetto con una lunga durata di vita". Ma avendo paura dei fantasmi e delle streghe, diede al bambino il nome di Nimai.

Il giorno in cui madre e figlio fecero il bagno e lasciarono la stanza della maternità, Sita Thakurani diede loro tutti i tipi di ornamenti e indumenti, e poi ha anche onorato Jagannatha Mishra. Quindi Sita Thakurani, onorata da madre Sacidevi e Jagannatha Mishra, fu molto felice nella sua mente, e così tornò a casa". Da quel giorno Sita Thakurani sarebbe venuta spesso a Mayapura da Shantipura, per insegnare a Sacimata come prendersi cura del nuovo bambino. Le dava molte istruzioni diverse su come crescere i bambini. E dopo aver aiutato il bambino in questo modo, sarebbe tornata a Shantipura.

Quando è arrivato il momento della cerimonia di compleanno del bambino, Jagannatha Mishra e Sacidevi hanno lasciato che l'adorabile Sita Thakurani fosse la prima a offrire al bambino i suoi nuovi vestiti. Anche Advaita Acharya Prabhu aveva una casa a Navadwipa. Là viveva di tanto in tanto e discuteva della Krishna-katha con i devoti guidati da Srivasa, immergendosi ed emergendo nelle onde della gioia fino allo spuntare dell'alba. Dopo l'apparizione di Sri Gaurasundara, tutti i devoti hanno pregato insieme a Sri Advaita Acharya e Sita Thakurani affinché il bambino potesse vivere a lungo a Mayapura e avere buona fortuna. Sita Thakurani e Sacidevi erano unanimi; il bambino Nimai era la loro vita e la loro anima.

Ogni giorno Sita Thakurani andava a casa di Sacidevi e la aiutava nelle cure e nell'educazione del ragazzo. Nella casa di Jagannatha Mishra, il bambino divino accresceva il piacere degli occhi e della mente di tutti i devoti, proprio come la luna crescente diventa gradualmente più brillante ogni giorno che passa. Dopo diversi anni, quando il figlio di Jagannatha Mishra, Vishvarupa, il fratello maggiore di Nimai, era cresciuto, improvvisamente prese sannyasa. Il dolore e l'agonia di Jagannatha Mishra e Sacidevi per la partenza del figlio è stato grande. Gaurasundara era anche costernato e infelice per la separazione di suo fratello. A quel tempo Advaita Acharya e Sita Thakurani consolarono Jagannatha Mishra e Sita Thakurani e aiutarono a prendersi cura di Nimai.

Anche la moglie di Srivasa Pandit, Malini Devi, è sempre stata molto affettuosa nei confronti del bambino, nutrendolo e prendendosi cura di lui. Lei e Sacidevi erano unanimi nel fare questo. Dopo aver mostrato i suoi passatempi d'infanzia, Nimai progredì gradualmente nel suo Kishora-lila, o passatempi della giovinezza. Dopo qualche tempo, andò a Gaya e rivelò la sua vera forma e il suo vero scopo. Tornato da Gaya, radunò tutti i devoti nella casa di Srivasa Angan allo scopo di iniziare il kirtan. A quel tempo, Advaita Acharya portò Sita Thakurani da Shantipura a Mayapura e, essendo arrivato lì, fu il primo ad adorare i piedi di loto di Sri Caitanya.

A poco a poco Sri Gaurasundara iniziò, a Navadwipa, a svolgere i suoi passatempi kirtan, desiderando liberare le anime cadute. Col passare del tempo prese sannyasa e si voltò verso Vrindavana, e corse via, mezzo pazzo, nella giungla alla ricerca di Sri Krishna. Sentendo questo, Sri Sita Thakurani trascorse quattro giorni con Sacidevi, il quale, immerso nell'oscurità della separazione come se il sole avesse lasciato il cielo per sempre, giaceva caduto a terra come uno prossimo alla morte. Sri Caitanya Mahaprabhu, essendo legato dalle corde dell'amore, non poté andare a Vrindavana, ma fu attratto dal tornare a Shantipura. Quando è arrivato a Shantipura, Advaita Acharya e Sita Thakurani si sono sentiti come se la loro vita fosse tornata. Dopo aver digiunato per quattro giorni, Sri Gaurasundara accettò il prasada cucinato dalla mano di Sita Thakurani.

Prima di prendere anche il sannyasa, Sri Caitanya Mahaprabhu, insieme a Nityananda Prabhu, andava di tanto in tanto alla casa di Advaita a Shantipura, dove avrebbero tenuto una festa ed eseguito Krishna-nama-lila-kirtan tutto il giorno e tutta la notte. La bella natura di questo argomento è stata descritta da Sri Parameshvari Dasa Thakura nel suo Sri Pada Kalpataru come segue: Un giorno il Signore rise, essendo arrivato nel tempio di Sri Advaita e così il figlio di Saci si sedette. Insieme a Nityananda, Advaita si sedette e i due iniziarono a valutare giocosamente l'idea di organizzare un festival. Sentendo tutto questo, Sita Thakurani entrò sorridente. In quel tempo, con dolci parole che rendevano beati gli animi di coloro che le ascoltavano, il figlio di Saci stabilì che doveva esserci una grande festa. Disse: "Ascolta Sita Thakurani: estenderemo gli inviti a tutti i diversi Vaisnava che vivono nelle vicinanze.

Lascia che chiunque ascolti il ​​suono del nostro canto, che risuona nell'aria, venga e si unisca a noi. Inviteremo uno e tutti". Detto questo, Sri Gaurachandra diede ordini ai devoti dicendo: "Tu, invita i Vaisnava." "Tu, pronto il mridanga e il karatala." "Tu, prepara il legno di sandalo e l'aguru per la distribuzione." "Avere tutto pronto al ghat."

"Eseguendo questi incarichi con perizia, e dopo aver inghirlandato i devoti con ghirlande di fiori, i devoti si riuniranno in cerchio per un strepitoso kirtan." Sentendo le parole di Mahaprabhu, i devoti seguirono i suoi ordini con grande affetto, raccogliendo ghirlande, legno di sandalo, betel, burro chiarificato, miele e latte, e tutto il resto essenziale per adorare il Signore. I diversi doni e articoli profumati per i devoti e il Signore sono stati poi distribuiti nei modi appropriati. Il kirtan è iniziato a mezzogiorno. A quel tempo tutti cantavano "Hari! Hari!" e il mridanga rese l'intero kirtan di buon auspicio. Così nuota Parameshavara Dasa nei passatempi rasik del Signore.

Dopo che Sri Caitanya Mahaprabhu prese il sannyasa e andò a vivere a Jagannatha Puri, Sri Advaita Acharya e Sita Thakurani andavano a trovarlo ogni anno, portando con sé il loro figlio Achyutananda. In una di queste occasioni, Sita Thakurani gli preparò alcuni dei preparativi preferiti dal Signore e Lo invitò a casa loro per pranzare. Semplicemente per aumentare la loro estasi, il Signore, che era sempre assorto in Krishna Nama, onorò il loro invito e pranzò a casa di Advaita e Sita. Sita Thakurani, sempre sopraffatta dal vatsalya-prema, lo trattava affettuosamente come se fosse suo figlio. Il Signore stesso la trattava anche con lo stesso riguardo e affetto che aveva per la stessa Sacidevi. Sri Sita Thakurani diede alla luce tre figli, Achyutananda, Krishna Mishra e Gopala Mishra, che erano seguaci di Sri Caitanya Mahaprabhu. Secondo Bhakti-Ratnakara, il padre di Sri Sita Thakurani era Sri Nrishimha Baduri. Sita Thakurani aveva anche una sorella, Sri. Secondo il Gaura-Ganoddesha-Dipika, Sita Thakurani, la moglie di Sri Advaita Acharya, è Yogamaya e sua sorella Sri è la prakasha o manifestazione di Yogamaya.

yogamaya bhagavati, grihini tasya sampratam,
sita rupenavatirna, "Sri" namni tat prakashatah

Ricorrenze del mese

Sri Ramanujacarya

Sri Madhvacarya

Bhismastami

Sri Advaita Acarya

Srila Raghunatha Dasa Gosvami

Sri Raghunandana Thakura

Sri Pundarika Vidyanidhi

Srila Visvanatha Cakravarti Thakura

Srimati Visnupriya Devi

Vasanta Pancami

Ganga Sagara Mela

Sri Locana Dasa Thakura

Sri Jayadeva Gosvami

Srila Gopala Bhatta Gosvami

Sri Ramacandra Kaviraja

Sri Krishna Pusya Abhiseka

Sri Jagadisa Pandita

Sri Ramanujacarya

Sri Madhvacarya

Bhismastami

Sri Advaita Acarya

Srila Raghunatha Dasa Gosvami

Sri Raghunandana Thakura

Sri Pundarika Vidyanidhi

Srila Visvanatha Cakravarti Thakura

Srimati Visnupriya Devi

Vasanta Pancami

Ganga Sagara Mela

Sri Locana Dasa Thakura

Sri Jayadeva Gosvami

Srila Gopala Bhatta Gosvami

Sri Ramacandra Kaviraja

Sri Krishna Pusya Abhiseka

Sri Jagadisa Pandita