Cerca

Language

di Kripamoya Das

Quando fui iniziato nel 1975, Srila Prabhupada scrisse una lettera al mio presidente del tempio al Bhaktivedanta Manor, chiedendogli di assicurarsi che seguissi tutte le regole. Scrisse:

13 novembre 1975

Mio caro Prabhavisnu das,

Per favore, accetta le mie benedizioni. Ho ricevuto debitamente la tua lettera senza data e accetto su tua raccomandazione quanto segue come miei discepoli iniziati….Accetto anche quanto segue come brahmana nati due volte e i loro fili e fogli di mantra sono allegati: Kripamoya das…Dovresti fare un sacrificio del fuoco e i secondi iniziati dovrebbero ascoltare attraverso l'orecchio destro il mantra sul mio nastro registrato... È tua responsabilità vedere che questi devoti che hai raccomandato seguano rigorosamente le regole e i regolamenti, cantando 16 giri, frequentando le lezioni e il mangala aroti e astenendosi dai quattro divieti. Dovresti tenere una conferenza su questi punti durante la cerimonia di iniziazione in modo che tutti comprendano appieno. E con il tuo esempio dovresti insegnare.

Spero che questo ti soddisfi in buona salute.

Il tuo sempre benefattore,

AC Bhaktivedanta Swami

ACBS/BS/mdd Enc.

Era uno stile di lettera abbastanza comune e molti presidenti di tempio ne ricevettero una come questa a volte. Il motivo era semplice. Viaggiando per il mondo quattordici volte in dodici anni, Srila Prabhupada tendeva a trascorrere solo tre o quattro giorni in ciascuno dei suoi centri, forse una volta all'anno. Non c'era tempo sufficiente per incontrare ogni discepolo, quindi parlava con loro in gruppi. Alla fine iniziò 4.800 discepoli e quasi sempre chiese ai devoti anziani responsabili di prendersi cura di loro per lui.

Questa non era una novità nell'antica tradizione vaisnava, sebbene il pionieristico pioniere di Srila Prabhupada di un movimento mondiale fosse unico nella storia e richiedesse accordi senza precedenti. Raggruppava i suoi discepoli – la maggioranza di loro – in accordi di vita comuni e, durante gli anni '70, questo era il modo di vivere standard per la maggior parte dei devoti di Krishna. "Seguire rigorosamente le regole e i regolamenti", come ha scritto nella lettera di cui sopra, implicava quindi vivere in un "tempio" sotto la supervisione di un "presidente del tempio".

La dimensione media di uno dei templi dell'ISKCON, al di fuori di alcuni più grandi in città come Los Angeles, New York, Londra e Bombay, era tra gli 8 ei 20 residenti. Tenere d'occhio i giovani devoti, appena iniziati e da poco impegnati nei loro voti, era relativamente facile in gruppi così piccoli. Ha anche contribuito a ciò che i membri ricordano con affetto come un "sentimento familiare".
Oggi

Cinquant'anni dopo e il movimento è cresciuto e cambiato. La filosofia e le pratiche rimangono le stesse, ma la maggior parte dei membri non vive in piccoli gruppi comunitari. C'è ancora una vita in comune – in circa 600 località a livello internazionale – ma la maggior parte dei membri dell'ISKCON ora vive nelle proprie case, visitando un tempio o un gruppo vicino, se ce n'è uno.

Preservare la richiesta di Srila Prabhupada per i suoi discepoli anziani responsabili di fornire una guida spirituale e di "insegnare con l'esempio" ha richiesto un'attenta riprogettazione per una situazione nuova e ampiamente ampliata. La rapida crescita dei membri del movimento è la prova del successo dei messaggi di Srila Prabhupada, ma con le dimensioni spesso arriva una maggiore complessità, e così è con la sfida di aiutare gli altri nel cammino spirituale. Poiché aiutare gli altri a crescere nella vita spirituale è importante quanto iniziarli ad essa, perché l'ISKCON semplicemente aggrapparsi ai suoi membri richiedeva un approccio leggermente più sviluppato.

L'inizio fu la formazione di piccoli gruppi per kirtan, discussione Gita e prasadam. Ovunque vivessero i devoti, desideravano incontrarsi con altri per le pratiche essenziali della vita spirituale. E così facendo si sono sostenuti a vicenda. Man mano che si sviluppavano le relazioni tra di loro, crebbe una comunità amorevole di Vaishnava, una comunità affettuosa come non c'era mai stata nei "bei vecchi tempi". percorso appena scelto; insegnando loro ciò che sapevano e offrendo parole di ispirazione, incoraggiamento e guida ogni volta che potevano.

Quando arrivò il momento dell'iniziazione, gli aspiranti discepoli scoprirono che avevano bisogno di essere "raccomandati" da "un presidente del tempio ISKCON" secondo gli ordini di Srila Prabhupada. Poiché il presidente del tempio locale poteva prendersi cura di un tempio a molte miglia di distanza e spesso non conosceva bene il candidato, se non del tutto, l'onere era sul leader del piccolo gruppo di fornire un resoconto dell'idoneità del potenziale discepolo.

Sebbene l'iniziazione sia una questione di cuore, è anche una questione di testa. È richiesto un pensiero chiaro da parte del candidato, così come la conoscenza di tutto ciò che richiede la relazione guru-discepolo. È essenziale un'adeguata preparazione per i voti della vita e il discepolo deve avere dimestichezza con le credenze e le pratiche di un devoto di Krishna. Deve anche aver sviluppato con successo un certo livello di relazione con il

futuro guru. Da parte sua, il guru doveva anche conoscere il suo futuro discepolo.

Ma anche con tutto ciò a posto, il guru avrebbe visto il suo discepolo solo una o due volte l'anno. Rimaneva ancora che ci fosse una persona responsabile che si prendesse cura dei bisogni spirituali del discepolo. Nelle parole di Srila Prabhupada: "È tua responsabilità fare in modo che questi devoti che hai raccomandato seguano rigorosamente le regole e i regolamenti, cantando 16 giri, frequentando le lezioni e il mangala aroti e astenendosi dai quattro divieti".

Così il capogruppo, o altro membro anziano in cui il giovane devoto aveva fede, iniziò a prendere sul serio il ruolo di supervisione pastorale. Si sono tenute riunioni regolari ed è stato preparato un elenco dei requisiti per l'avvio. Il ruolo del devoto anziano era ancora quello dell'amicizia spirituale piuttosto che del direttore o supervisore spirituale, ma elementi di consulenza, direzione e supervisione erano sempre più necessari man mano che i devoti prendevano sul serio il loro impegno spirituale formale. Avendo preparato adeguatamente l'aspirante discepolo, a volte nel corso di due anni, il devoto anziano avrebbe poi presentato la sua lettera di idoneità a nome del candidato, per essere ratificata dal presidente del tempio nella lettera formale di raccomandazione.
singhiozzo

Ci sono stati alcuni intoppi lungo la strada; alcuni guru hanno suggerito che tutto stava diventando un po' troppo formale e un po' restrittivo per i loro futuri discepoli. Ciò era particolarmente vero quando il candidato non riceveva una raccomandazione clamorosa. Ma ci sono state altre occasioni in cui, un po' intimidito da un guru senza dubbio ben intenzionato, il devoto anziano ha ceduto alle pressioni e ha ceduto, esprimendo l'approvazione del candidato contro il suo giudizio migliore. Mesi dopo, quando il discepolo appena iniziato non seguiva più i suoi voti e quando tutti i soggetti coinvolti erano stati completamente imbarazzati, sia il guru che il leader del gruppo locale potevano capire che c'era davvero un valore in un sistema formale.

Per farlo bene ci è voluto del tempo, ma dopo cinque anni il risultato è che ancora più devoti iniziano a essere iniziati. Sono meglio addestrati e preparati, e c'è una crescente rete di devoti anziani che stanno guidando con grande successo i nuovi membri verso una vita progressiva nella coscienza di Krishna. In Gran Bretagna ci sono circa quattrocento nuovi devoti guidati in questo momento.

Da qualche parte lungo la strada il termine generico "mentore" è stato preferito a qualcosa di più tradizionale o sanscrito. Ci sono molte parole così antiche che descrivono l'insegnante-guida, ma la parola era già entrata in uso con i nostri club universitari, gruppi giovanili ed era ampiamente utilizzata nel mondo aziendale. Era una parola inglese legittima di applicazione quasi universale. Mentore è originariamente una parola greca che ora significa "un consigliere o insegnante saggio e fidato", e questo sembrava adattarsi perfettamente. Da ciò deriva l'espressione "il sistema di tutoraggio" e la piuttosto sfortunata formazione posteriore americana "allievo".

Nel corso dei quattro anni, alcuni mentori esperti hanno raccolto e condiviso i loro successi ed errori e, di conseguenza, c'è un corpo crescente di materiale sul mentoring applicato all'ISKCON. Quella che segue è una descrizione di alcuni elementi chiave, in formato Q&A. È disponibile anche un opuscolo più formale sul tutoraggio, in particolare per quanto riguarda la preparazione di un candidato per l'iniziazione.

Che cos'è il tutoraggio?

Nella sua corrispondenza e nelle conversazioni con i suoi discepoli Srila Prabhupada usava spesso termini come devoti anziani e devoti minori, implicando che tra loro dovrebbe esistere una relazione naturale di educazione, ispirazione e guida. Il tutoraggio non è altro che un'estensione della guida naturale e spirituale offerta dai vaisnava in un ambiente moderno e non templare.

Cosa comporta?

Nel tutoraggio ci sono elementi di quanto segue: empatia; Compassione; Ascoltando; Apprezzamento; Incoraggiamento; Amicizia; Cura; Guida; Consigli; Ispirazione; Nutrimento spirituale e insegnamento. Un mentore dà Fiducia, aiuta a rimuovere i Dubbi, offre Empowerment e Direzione; fornisce Continuità nella vita del devoto e insegna con l'Esempio.

Che cos'è, esattamente?

L'amicizia di un Vaishnava più esperto può aiutare un devoto a progredire nella vita spirituale. Un buon tutoraggio è una forma di incoraggiamento che serve a ispirare il devoto a fissare obiettivi nella vita spirituale e ad avvicinarsi ad essi. Un mentore può aiutare a fornire conoscenza dalle Scritture e guida dalla propria esperienza; rassicurazione e libertà dai dubbi; e coltivare la devozione fornendo l'esempio.

Per quali aspetti della vita è utile il tutoraggio?

La coscienza di Krishna è la nostra coscienza originale e può essere sviluppata o ridotta a seconda di come viviamo ogni altro aspetto della nostra vita. Una buona guida spirituale tiene conto di tutto, perché tutto ha un effetto sulla nostra coscienza.

Si potrebbe dire che la nostra vita è come un albero: abbiamo radici, un tronco e un frondoso, fr

corona portante. Le radici sono la nostra connessione spirituale con Krishna attraverso forti pratiche devozionali; il tronco è la nostra vita fisica ed emotiva; e la corona è ciò che restituiamo agli altri. Poiché la corona è il risultato di una crescita sana sia delle radici che del tronco, ha senso prendersene cura entrambi.

Stai dicendo che un mentore deve essere un allenatore fisico oltre che una guida spirituale?

Non proprio, ma un mentore, ad esempio, guiderebbe qualcuno a mantenere se stesso e l'ambiente circostante pulito e ordinato, a dormire bene, ad alzarsi prima piuttosto che dopo, mangiare pasti sani piuttosto che cibo spazzatura, prendere aria fresca e fare esercizio, e usare il proprio corpo al servizio di Krishna. Se la salute fisica è indebolita, la pratica spirituale diventa più una sfida.

Ma come può un mentore essere davvero coinvolto nella vita emotiva di qualcuno?

Un mentore potrebbe offrire alcuni consigli basati sulle Scritture. Ci sono molti testi di Yoga che descrivono come le nostre emozioni possono essere influenzate dal modo in cui viviamo e come ciò può avere un effetto utile o negativo sul nostro focus spirituale. Ad esempio, un ambiente tranquillo e una respirazione profonda possono aiutarci a essere sereni, e alzarci presto può aiutarci a meditare. Un consigliere spirituale potrebbe insegnare come mantenere la propria coscienza nella modalità della bontà attraverso la regolamentazione e la necessità di essere consapevoli degli effetti negativi creati da cibi rajasici e tamasici, musica, film e libri mondani, a tarda notte e così via.

I Veda, in particolare l'Ayurveda e gli Yoga Sutra, hanno molto da dire sull'etica e su come agire in modo da coltivare un'ampia gamma di virtù umane. La parola prakriti significa "natura" e samskriti significa quando usiamo saggiamente i nostri corpi e l'ambiente in modo che tutto ciò che facciamo purifichi la nostra esistenza e ci porti a un livello superiore di consapevolezza, una coscienza risvegliata. È da qui che deriva la parola sanscrito, che indica il "linguaggio purificato che conduce l'anima verso l'alto". Vikriti significa l'esatto opposto, quando i nostri pensieri, parole e azioni ci portano a un livello inferiore di coscienza. Un mentore è qualcuno che insegnerebbe ai loro amici spirituali come seguire i codici di samskriti e come evitare vikriti. Un mentore insegnerebbe come coltivare qualità come il perdono, per esempio, o la compassione. Queste virtù influenzano ogni altra relazione nella nostra vita e quando agiamo in base ad esse, quando mostriamo compassione nelle nostre azioni o perdoniamo gli altri, questo aumenta il nostro senso di benessere emotivo.

Quindi un mentore incoraggerebbe le emozioni positive, la coltivazione di comportamenti virtuosi e le azioni verso gli altri che scaturiscono dalla positività e dalla virtù. La gentilezza verso gli altri, la tolleranza e la comprensione e la condivisione della coscienza di Krishna in modi diversi sono la corona dell'albero della vita. È la parte che dà, la parte che tutti vedono, ma può dare solo quando le altre due parti sono sane. Ci deve essere un sano equilibrio tra radici, tronco e chioma.

In una situazione pratica di mentoring, come ricordarsi di controllare tutte e tre le parti?

Bene, hai a che fare con una persona e una persona è un pacchetto integrato di tutte e tre le parti. A volte tutte e tre le parti sono in armonia, a volte no. Puoi fare la domanda principale: "Come stai?" ma in tre modi diversi, avendo una semplice lista di controllo mentale per tutte e tre le parti. Per le "radici" faresti alcune domande come "Com'è il tuo canto? È successo qualcosa per te questo mese? Cosa hai scoperto leggendo i libri di Srila Prabhupada questo mese – qualcosa di utile o interessante? Qualcosa che hai trovato difficile da capire o che ti ha dato dubbi?

Se c'è qualche dubbio su qualche aspetto, o se c'è stata qualche negligenza in qualche area, puoi parlarne.

Per quanto riguarda il "tronco", vuoi chiedere se sono fisicamente sani ed emotivamente nutriti. Quest'area include la loro cerchia di amicizie, la loro famiglia, la loro situazione lavorativa e il loro progresso sociale. Ci sono momenti nella vita in cui anche i devoti profondamente impegnati trovano difficile continuare: lutto o divorzio; perdita del lavoro o trasloco; malattia o ansia per il futuro: tutti questi momenti sono in cui un mentore deve preoccuparsi, ascoltare con empatia e offrire parole di sostegno.

La terza area riguarda tutto ciò che stanno facendo per il supporto e l'elevazione degli altri. La coscienza di Krishna è fatta per la condivisione, è facile da condividere e contribuisce così tanto al loro progresso spirituale che è una domanda molto importante da porre.

Così tante domande! Non è tutto un po' faticoso per le persone?

Bene, non ti siedi con un elenco di 50 domande e le poni una dopo l'altra. Sarebbe un'imposizione e sarebbe anche impersonale. Ma se interiorizzi quelle domande e poi le porti in una conversazione naturale, con parole tue, sarai in grado di coprire tutto.

Sembra che tu stia chiedendo ai mentori di essere anche psicoterapeuti!

Un mentore non è un preparatore atletico, un consulente sanitario, un medico qualificato, un astrologo, uno psicoterapeuta o un nutrizionista

(a meno che non siano qualificati professionalmente in quelle capacità) ma nella misura in cui Srila Prabhupada ci ha offerto una guida di vita su come avere un buon equilibrio tra salute/vita/lavoro in modo da poter servire Krishna, dovremmo sentirci a nostro agio nel farlo , pure.

In effetti, è una tradizione di lunga data nei circoli vaisnava offrire guida nelle aree conosciute come gauna-vidhi-bhakti - scelte di vita che non sono di per sé bhakti, ma che hanno un impatto diretto su come eseguiamo la bhakti. Bhaktivinode Thakur è stato un grande sostenitore di una vita fisicamente ed emotivamente equilibrata in modo da poter servire lo scopo ultimo della vita: la realizzazione di Dio. Ma se qualcuno di cui stiamo facendo da mentore richiede una consulenza esperta in una di queste aree, è compito del mentore reindirizzarlo a qualcuno più qualificato.

Quale dovrebbe essere l'atteggiamento di un mentore?

Un mentore è un compassionevole Vaisnava. Man mano che cresciamo e maturiamo nella nostra vita spirituale, aumenta il desiderio di aiutare gli altri. È un sottoprodotto naturale dell'amore per Krishna. Quando comprendiamo l'amore del Signore per noi e il nostro amore gradualmente crescente per Lui, sentiamo davvero di voler aiutare gli altri. Se incontri qualcuno che non conosce la coscienza di Krishna, vorrai rispondere alle sue domande, condividere con lui ciò che sai. Vorrai aiutarli a superare i loro dubbi e le loro paure sulla vita spirituale e li rassicurerai che la coscienza di Krishna è in realtà un nobile sentiero sul quale sperimenteranno pace e gioia interiori.

Ma per farlo correttamente avrai bisogno di empatia, compassione e gentilezza. Dovrai metterti nei panni di un altro e aiutarlo con sensibilità, incoraggiandolo sempre e dandogli la possibilità di vedere la sua strada. Puoi aiutarli nella definizione degli obiettivi, ma la scelta dell'obiettivo dovrebbe essere loro. Come devoto anziano hai autorità e una certa quantità di potere spirituale, e loro risponderanno a questo, ma la cosa principale è sempre dare loro potere, proprio come Srila Prabhupada diede potere ai suoi discepoli.

Sembra che il ruolo di un mentore possa essere effettivamente egoistico?

Sì, c'è sempre il pericolo quando ricopre un ruolo di guida spirituale che tu possa goderti il ​​ruolo nel modo sbagliato. Ecco perché devi sempre ricordare che è un servizio per il tuo guru; e che in realtà non riguarda te, riguarda loro e Krishna. E tu sei semplicemente colui che sta aiutando a formare e mantenere la loro relazione con Krishna forte e sana. Sei un'ostetrica che aiuta a far emergere il bellissimo bambino della coscienza di Krishna. Hai un ruolo di facilitazione, un ruolo di servizio, non un ruolo di piacere. Proprio come un'ostetrica non immagina mai che il bambino le appartenga, così dovresti capire che non puoi prenderti il ​​merito della spiritualità sviluppata sotto la tua guida. Se Krishna vuole, te ne darà il merito, ma non puoi prenderlo per te stesso. In effetti, dopo che tutto il tuo lavoro di mentore è stato svolto, potresti anche essere dimenticato dai tuoi amici devoti, ma lo farai comunque, lode o nessuno, ricordato o no.

Ma come posso essere compassionevole, quando non provo compassione?

Come ogni altra cosa, la compassione è qualcosa che deve essere coltivata e che richiede tempo. Possiamo svilupparlo attraverso abhyasa, o pratica. Ciò significa fare cose compassionevoli per dovere finché non lo sentiamo naturalmente. Inoltre, se mostri compassione per gli altri, anche se a volte potresti sentirti artificiale, aiuterai te stesso a realizzare te stesso. Nell'antico Srimad Bhagavatam c'è una bella istruzione da un'incarnazione di Dio di nome Kapila a suo padre Kardama Muni. Dice: “Dovresti mostrare compassione a tutti gli esseri viventi. Allora otterrai l'autorealizzazione. Dovresti dare garanzia di sicurezza a tutti. E così facendo percepirai te stesso come tutti gli universi in Me e Me Stesso in te”. (SB 3.21.31)

Sri Chaitanya Mahaprabhu ha detto che il movimento Vaisnava è composto da tre cose:

Jiva Daya – compassione per tutti gli esseri viventi
Nama Ruchi – il gusto di cantare il santo nome di Krishna
Vaishnava Seva – servizio ai Vaishnava

Srila Bhaktivinode Thakur, il bisnonno del Movimento per la coscienza di Krishna, disse: “Shri Krishna si accontenta molto rapidamente delle persone che hanno compassione verso tutti gli altri e non causano loro alcun dolore o ansia. La compassione è la qualità principale dei vaisnava. La compassione è il loro principale dharma.” (Jaiva Dharma, capitolo 20)

Ha spiegato inoltre: “La compassione e le azioni compassionevoli ci aiutano a dimenticare il nostro mondo egocentrico. Le azioni compassionevoli quindi danno luogo all'autorealizzazione e quindi alla realizzazione di Dio”. Il Thakur dà poi tre meditazioni per aiutarci a sviluppare la compassione:

Tutti gli esseri viventi sono uguali.
Tutti sperimentano la miseria nello stesso modo in cui la vivo io.
Se voglio aiutarli dovrò fare uno sforzo determinato e prendere misure concrete per aiutare gli altri e sradicare la loro miseria.

Per aiutare noi stessi a sviluppare la compassione e per aiutare gli altri, abbiamo bisogno di una solida base spirituale; vedere il dolore degli altri, o il loro co

nfusione o problemi; liberarsi dal giudicarli o dall'invidiarli. Non possiamo rimanere bloccati nella nostra meschinità, ma dobbiamo vedere noi stessi e gli altri dal punto di vista di Krishna, come esseri spirituali in un viaggio di molte vite. Il nostro compito, ora che la nostra strada ha incrociato quella degli altri, è aiutare dove possiamo.

Va tutto molto bene, ma un mentore è una specie di direttore spirituale e mi sento a disagio nel dare indicazioni agli altri.

È importante ricordare che la direzione spirituale può essere data solo a chi per primo la chiede, e se qualcuno ti ha chiesto aiuto, perché non dovresti darla? Se uno sconosciuto ti chiede di guidarlo in un luogo della tua città, gli diresti attentamente quali svolte prendere, quali punti di riferimento cercare e così via. La guida nella vita spirituale è la stessa. C'è una road map e aiuti le persone a raggiungere la loro destinazione. Non li stai dirigendo verso un posto a tua scelta; stai dando loro le indicazioni per una destinazione che hanno scelto per se stessi.

Poiché hai percorso il sentiero della coscienza di Krishna per molti anni più di quelli che stai guidando, ci si aspetta che indichi loro gli ostacoli, le svolte sbagliate e i vicoli ciechi lungo il sentiero. Forse hai commesso degli errori nella tua vita spirituale e ora tocca a te condividere la saggezza dell'esperienza personale.

Ma a parte questo, darai potere agli altri dando loro la loro mappa e permettendo loro di fare le proprie scelte. Un mentore – o un guru – non dovrebbe mai essere nella posizione di dare una guida così dettagliata che il devoto sente di non poter fare il passo successivo senza il loro contributo. Un buon direttore spirituale insegna principi ampi, a volte viene consultato su domande dettagliate, ma incoraggia coloro che sono loro affidati a essere autosufficienti.

Quindi come descriveresti la direzione spirituale?

Qualsiasi direzione spirituale ha lo scopo di guidare la persona a ristabilire la sua relazione interrotta con Krishna. Per usare l'esempio di Sri Caitanya: l'inizio della vita spirituale è come piantare un seme, e praticare la vita spirituale è come coltivare un piccolo seme. Per essere un giardiniere di quella pianta di devozione devi fare due cose: annaffiare e diserbare. Innaffiare è fornire ciò che è necessario nella vita spirituale, e diserbare è rimuovere quelle cose che non sono necessarie.

Innaffiamo ogni giorno e sarchiamo ogni settimana. Innaffiare è lo stillicidio dell'ascolto dei nomi di Krishna nella forma della meditazione japa quotidiana e dell'ascolto di Krishna dalle scritture come lo Srimad Bhagavatam. Ovunque ci siano devoti di Krishna, ci saranno anche questi due elementi, quindi mantenere l'associazione con i devoti significa anche innaffiare il seme.

Il diserbo viene effettuato periodicamente eliminando eventuali piccole erbacce che hanno messo radici insieme al seme principale. Le erbacce principali sono il desiderio di godimento materiale e il desiderio di liberazione, entrambi i quali non hanno nulla a che fare con la coltivazione dell'amore per Krishna, ed entrambi possono strangolare la delicata piantina.

Quindi un buon direttore spirituale - un buon mentore - insegna cosa sono le erbacce, aiuta l'allievo a identificarle nei propri pensieri o azioni e aiuta a sradicarle. Se catturato abbastanza presto, il diserbo non sarà doloroso.

Quindi, se do una direzione spirituale agli altri, come posso farlo con successo?

Devi essere una persona affidabile. A meno che qualcuno non si fidi di te, non ascolterà comunque la tua direzione. Devi prima conoscere Krishna da solo, forse più di quanto già fai. Quando fai uno sforzo determinato per conoscere Krishna, scoprirai che la tua direzione spirituale trae forza dalla tua convinzione. Puoi farlo leggendo di più su Krishna – possiamo sempre leggere di più lo Srimad Bhagavatam – e con il tuo canto attento. Devi essere consapevole di Krishna e saldamente radicato nella tua sacra relazione con Lui.

Allora devi renderti accessibile. Renditi disponibile. Sii presente con loro di persona, non solo tramite e-mail o al telefono. Essere un mentore significa avere una relazione personale con le persone, dove sono loro, non dove sei tu. Potrebbe essere necessario modificare il tuo programma per adattarlo al loro, ad esempio. Non aspettarti che possano sempre adattare la loro vita per incontrarti.

La terza cosa è essere disposti ad aiutare. La tua volontà di aiutarli si irradierà da te se è reale, ma li confonderai solo se non sei realmente disposto ad aiutarli, ma dici di esserlo.

Sembra che essere un mentore sia una posizione di grande responsabilità. Come faccio a sapere se sono all'altezza?

Non confondere la posizione con il ruolo. Essere un mentore non è una posizione organizzativa; si tratta di diventare un amico spirituale e aiutare qualcuno ad andare avanti nella propria vita. Sì, occupi una posizione di grande responsabilità nella loro vita, ma se non riesci a essere un utile amico spirituale per loro, te lo faranno sapere rapidamente! Loro andranno avanti, e anche tu. Non essere troppo preoccupato o non si otterrà nulla.

Hai detto che l'affidabilità è t

ha prima qualità di essere un mentore. Come posso essere pienamente degno della fiducia di qualcuno o sapere che si fida di me?

Nessuno ti ascolterà se non si fida di te. Il primo segno che qualcuno si fida di te è che ti sta ascoltando. La fiducia viene stabilita per la prima volta durante il tempo degli scambi personali e si rafforza quando mantieni le tue promesse e assicurazioni.

Un modo per fidarsi, in uno scambio spirituale, è essere gioiosi come risultato di una profonda pratica spirituale. La tua connessione spirituale risplenderà attraverso il tuo aspetto esteriore; mostrerai la tua spiritualità nel tuo sorriso o nei tuoi occhi. Non puoi fingere.

L'affidabilità viene creata quando l'altra persona può sentire che sei connesso con gli shastra e il tuo stesso guru. Puoi dimostrare quella connessione facendo riferimento a guru e Krishna nella conversazione. Ma non cercare di mettere in mostra la tua borsa di studio scritturale; se lo fai, la fiducia andrà persa perché la conversazione è diventata tutta su di te.

Se crei fiducia, saranno a loro agio a seguire i tuoi consigli.

Come posso rendermi "più accessibile?"

Accessibile significa che trovi il tempo per stare con coloro che stai facendo da mentore, fisicamente e mentalmente. Vorrà dire che rispondi al telefono quando ti chiamano, oppure significa rendersi disponibili a un orario prestabilito per una chiamata. Non puoi dire: "Mi dispiace, non ho tempo in questo momento". Significa trovare il tempo per incontrarsi fisicamente e passare abbastanza tempo con loro per discutere le cose in modo approfondito, se lo desiderano.

Accessibile significa anche che la persona deve sentire: “La mia voce è ascoltata con vero interesse da questo devoto. Il mio mentore vuole ascoltarmi e mi sta dedicando del tempo".

C'è un'arte nell'ascoltare e nel far sapere all'altra persona di essere ascoltata. Sedersi con una postura aperta, sporgersi in avanti, mantenere il contatto visivo, ascoltare senza interrompere e porre domande pertinenti al momento giusto, aumenta la tua accessibilità.

A volte cerco di aiutare gli altri, ma poi mi chiedo se sono stato di grande aiuto. Che consiglio puoi darmi?

La disponibilità ad aiutare è essenziale. Se hai un po' di entusiasmo, Dio farà il resto! Saresti sorpreso di ciò che Krishna può fare se lo lasciassi parlare attraverso di te – devi solo toglierti di mezzo! Ma seriamente, la prima cosa è accettare che sei destinato a dare una direzione spirituale. Krishna vuole che tu lo faccia, il guru lo vuole e tu sai che lo vuoi!

Un aereo è fuori rotta fino al 90% durante il viaggio, lo sapevi? C'è così tanto vento lassù. Tutto ciò che il pilota fa è eseguire una serie di correzioni di rotta durante il viaggio e assicurarsi che l'aereo atterri in sicurezza. Quando le persone arrivano per la prima volta alla coscienza di Krishna sono in aria e si dirigono nella giusta direzione, ma potrebbero fare qualcosa di sbagliato quasi il 90% delle volte. Il tuo servizio per loro consiste nell'eseguire una serie di micro-correzioni in modo che possano rimanere sulla buona strada e alla fine raggiungere la loro destinazione.

Le persone si aspettano una guida da qualcuno più anziano e più esperto di loro, e segretamente bramano la correzione. Potrebbero non chiederti sempre di correggerli, ma non dovresti sempre aspettare che lo chiedano! Un'idea moderna è che a tutti dovrebbe essere permesso di scoprire tutto da soli, ma questo non è il modo antico. Ci piace dare potere alle persone, sì, ma preferiremmo di gran lunga che non dovessero commettere ogni possibile errore prima di scoprire qual è la migliore pratica spirituale. La vita è breve.

Quando correggi qualcuno, puoi farlo in modo incoraggiante, non soffermandoti sui suoi errori o paure, ma essendo positivo e indicando la via da seguire. Offrire guida o correzione implica anche essere coraggiosi a volte. Non puoi trattenere qualcosa che hanno bisogno di sentire su se stessi. Devi essere abbastanza coraggioso da essere conflittuale, ma abbastanza gentile da non minacciare la relazione con le tue parole.

Dal modo in cui descrivi il tutoraggio, sembra che ci sia molto per loro, ma niente per me...

Per favore, non pensare così! Se lo fai correttamente, proverai profondi sentimenti di reciprocità da parte di Krishna. Sì, è vero, dovrai sfogarti un po', ascoltare le persone e i loro problemi, avere discussioni filosofiche a tutte le ore del giorno e della notte, essere sempre pronto ad aiutare. Mi dispiace se l'ho fatto sembrare più scoraggiante di quanto non sia!

I premi sono grandi, però. Le persone ti ameranno se le ascolti e cerchi di aiutarle. Una guida spirituale è più preziosa anche di un medico, ed è trattata con ancora più affetto. Dopotutto, rappresenti Krishna e, ripetendo le Sue parole, la tua conversazione sarà presa molto sul serio. E il Signore stesso aiuta sempre i suoi insegnanti e predicatori, specialmente quelli che aiutano altri devoti illuminandoli e parlando di Lui.

Quindi sarai amato da Krishna, famoso nel mondo – e sarai anche materialmente curato da coloro a cui hai voluto bene. Va bene?

Non ne sono così sicuro...sembra tutto come se io

potrebbe diventare una testa grossa dall'essere un mentore!

È vero, potresti. Ma devi ricordare una regola molto importante:

Nessuno viene da te... a causa tua.

Non si tratta affatto di te. Vogliono Krishna, non te. Li ha mandati e li ha affidati a te, ecco tutto. Tutto ciò che conta è il loro benessere, non l'amore che ti danno o non ti danno. Sono sempre prima loro, poi Krishna, poi tu.

Non dovresti diventare un mentore perché il tuo ego ne ha bisogno, o hai bisogno di affetto, o hai bisogno di essere un insegnante, o perché hai qualche altro tipo di bisogno. Non si tratta del tuo bisogno, ma del loro.

Proprio come se fossi un pujari sull'altare. Le tende si aprono e tu stai semplicemente lì, aspettandoti che la congregazione ti adori. Che sciocco sembreresti. Non sono venuti a trovarti. Non sono affatto lì per te; sono lì per il Signore. Essere un mentore è come essere un pujari: stai solo facilitando il loro darshan.

Quindi devi controllare le tue motivazioni. Non è che non avrai secondi fini, naturalmente, ma dovrai esserne consapevole ed essere preparato di conseguenza. Se vuoi essere amato da coloro che aiuti, è esattamente così che verrai messo alla prova. Un giorno, nessuno dei tuoi allievi ti amerà o ti amerà. Devi essere in grado di farcela. Passerà, ovviamente, ma i sentimenti difficili che sopporterai sorgeranno a causa del tuo particolare attaccamento all'essere amati o rispettati.

Essere un mentore mi farà bene spiritualmente, allora?

Assolutamente. Imparerai a conoscere i tuoi limiti: di conoscenza, di capacità di guida, di tolleranza, e questo è sempre utile. Essere un mentore è difficile, a volte, ma ti farà bene!

Per inciso, quando senti di aver raggiunto i tuoi limiti con una persona, per favore passali a un altro mentore. Non legarli a te perché ne hai bisogno.

Come direttore spirituale, devi esercitarti a essere invisibile. L'espressione di Srila Prabhupada - che ha preso dal suo stesso guru - era "trasparente tramite i media". Una volta a Londra gli è stato chiesto cosa fosse un guru. Rispose togliendosi gli occhiali: “Ora ti vedo, (poi si è rimesso gli occhiali) ora ti vedo meglio. Il guru è trasparente attraverso i media”.

Trasparente significa, ovviamente, "trasparente" e che il guru non è opaco. Attraverso di lui vedi Krishna. Srila Prabhupada disse che questo era il mistero della successione dei discepoli: il guru si frappone tra te e Krishna ma la tua relazione con Krishna è diretta.

Come mentore dovrai anche coltivare la gratitudine, che è sempre una buona cosa. Gratitudine che: “Ho una preziosa opportunità di aiutare questa persona nel suo cammino spirituale. Krishna ha riposto la Sua fiducia in me. Sono molto grato per questo.”

Esistono diversi tipi di tutoraggio per le diverse fasi della crescita spirituale?

Sì. Alcuni dicono che ci sono cinque fasi fondamentali:

Sravana dasa o ascoltare, imparare, fare domande, discutere. Sviluppare la fede e l'entusiasmo.
Varana dasa o accettazione della conoscenza e dei valori internamente. Assumere un impegno formale a praticare sotto la guida di un'autorità.
Smarana dasa o ricordare e mettere tutto in pratica. Eseguire sadhana ("i mezzi" per ottenere qualcosa) e rimuovere gli ostacoli.
Apanna dasa o raggiungere i risultati della pratica. Assimilazione e realizzazione.
Prapanna / Sampati dasa o resa totale. Entrare completamente nella "casa della bhakti".

In ciascuna di queste fasi ci sarà un tutoraggio appropriato allo stadio. A volte il guru farà il lavoro dettagliato, ma spesso il mentore aiuterà in tutti i passaggi intermedi.

In ogni fase è utile che il mentore assegni incarichi che aiutino il devoto a passare alla fase successiva.

Come descriveresti un "ostacolo" nella vita spirituale e come viene rimosso?

Un ostacolo è tutto ciò che impedisce a un devoto di fare progressi. Molti di loro sono stati descritti in dettaglio da Srila Jiva Goswami nei suoi libri di Sandarbha e Srila Vishvanatha Chakravarti Thakur nel suo Madhurya Kadambini.

Un ostacolo importante - un completo "blocco stradale", sembra, per i nuovi arrivati ​​- è che si aspettano che tutto nel loro viaggio spirituale sia facile e veloce. Rimangono sorpresi quando si presentano degli ostacoli e spesso si scoraggiano. Proprio come fare il burro chiarificato dal burro caldo implica setacciare le impurità che gorgogliano in superficie, così la vita spirituale implica identificare le impurità che fungono da ostacoli e rimuoverle.

La tecnica per affrontare un ostacolo è identificarli ma non soffermarsi su di essi. Soffermandosi eccessivamente su di essi si nutre inutilmente e tale pensiero negativo crea ansia e una forma di paralisi mentale.

I mentori non hanno lo scopo di fornire soluzioni materiali a problemi materiali, ma soluzioni spirituali a tutti i problemi. Un cambiamento di atteggiamento nei confronti di un problema percepito è spesso tutto ciò che è necessario per aggirarlo o superarlo.

Che ruolo gioca la comunità dei devoti in tutto questo?

Un ruolo assolutamente essenziale. Sebbene vengano fornite cure regolari

curata dal mentore, quando il devoto si unisce a un piccolo gruppo spirituale oa una grande comunità c'è una continuità di cura. Interagendo con molti altri devoti, la persona che stai aiutando riceve conferma di tutto ciò che hai detto. Ma l'allievo deve elevarsi al di sopra di quello che potrebbe essere definito un "consumismo spirituale passivo" e impegnarsi effettivamente in relazioni con altri devoti. Il servizio devozionale fisico porta la filosofia a un livello diverso e fornisce all'individuo uno scopo, accettazione e un sentimento di appartenenza.

Il mentoring è come altri tipi di consulenza?

Bene, questa è una domanda interessante. Storicamente, in Europa, il sacerdote era il consigliere e il terapeuta della comunità e la sua guida includeva sempre una direzione spirituale rilevante. Il suo consiglio includeva ricordare all'individuo la sua relazione con Dio e come questo dovrebbe essere ristabilito attraverso la preghiera. Questo cambiò gradualmente intorno al 1920 con l'avvento della psicologia e di altre forme di terapia sviluppate come discipline separate. Al giorno d'oggi, nessuno prenderebbe in considerazione l'idea di andare da un prete per un consulto a meno che non fosse membro di una congregazione ecclesiale. In effetti, per essere considerato un vero consulente professionale, non ci deve essere alcuna menzione di Dio o di specifiche sfumature spirituali nello scambio di consulenza. L'anima non deve mai essere menzionata, solo la "mente".

Ma i processi, si potrebbe dire, sono molto simili:

Una consapevolezza da entrambe le parti che gli ostacoli sono segnali che indicano una lezione che deve essere appresa. Che tutto ciò che accade loro nella vita è per aiutarli a progredire. Che il mentore/consigliere sia lì per aiutarli a vedere le cose da una prospettiva spirituale.
Il mentore/consulente assume il ruolo di osservatore e vi rimane, senza perdersi nella "storia" del consulente.
Il mentore/sacerdote chiede il permesso di aiutare l'individuo; essere uno strumento nelle mani di Dio, attraverso il quale scorreranno le benedizioni divine.
Riconoscere i bisogni inespressi e insoddisfatti del cliente. Per vedere le cose dal punto di vista dell'altro.
Identificare la "storia dietro la storia" e incoraggiare il cliente/devoto a vedere la storia interiore dietro la propria storia o copione di vita.

Hai menzionato i "bisogni insoddisfatti" - intendi i bisogni interiori, spirituali, giusto?

Forse sarai sorpreso, ma no. Tutti abbiamo bisogni legittimi che sono fisici o emotivi. Questi bisogni non dovrebbero essere esclusi dalla vita di un devoto, semplicemente perché il devoto è su un sentiero spirituale. Tali bisogni reali sono legittimi e devono essere presi in considerazione. In caso contrario, possono trasformarsi in grandi ostacoli nella nostra vita.

Nel suo libro, Caitanya Siksamrita, Srila Bhaktivinode Thakur ci coinvolge in questa discussione descrivendo i bisogni sia fisici che mentali. Scrive che mantenere il corpo adeguatamente nutrito attraverso il mangiare e il bere, il sonno e l'esercizio fisico e nei momenti di malattia, medicine adeguate, sono il soddisfacimento dei bisogni fisici.

I bisogni mentali includono l'elevazione della mente attraverso l'arte e la letteratura, la musica, la carità, la posizione sociale e così via. Scrive come segue:

“Se una persona non segue queste regole non può attraversare la vita senza intoppi. Non avendo cura di questi bisogni la mente sarà dominata da pensieri peccaminosi e atteggiamenti atei. Alla fine, gli uomini non diventeranno migliori di una bestia. Pertanto, queste regole corporee e mentali sono molto necessarie per il successo nella vita umana”.

Quindi un mentore è in grado di aiutare il devoto a identificare i suoi bisogni e un modo pratico per affrontarli e rimanere sul sentiero spirituale.

Quindi qualsiasi desiderio materiale è un "bisogno legittimo?"

Sfortunatamente no; se fosse così, la coscienza di Krishna sarebbe davvero molto popolare! Un "bisogno legittimo" è qualcosa di cui abbiamo bisogno per sostenere la nostra esistenza, la pace e la felicità di base - e una famiglia, un vicinato e una comunità stabili.

Diversi pensatori hanno creato "gerarchie di bisogni" ma hanno la tendenza a somigliarsi. Di norma sono inclusi:

Fisiologico – Tutto il necessario per la sopravvivenza fisica: aria, cibo, acqua, sesso, sonno.

Sicurezza: la sensazione di essere "al sicuro" o di essere fuori pericolo, sia fisicamente che mentalmente: sicurezza del corpo, del lavoro, delle risorse, della moralità, della famiglia, della salute e della proprietà.

Amore/Appartenenza – Amicizia, famiglia, intimità.

Stima: fiducia, successo, rispetto.

Autorealizzazione – Moralità, creatività, risoluzione dei problemi, autenticità.

Tutti questi desideri, sebbene materiali, sono legittimi nel senso che i Veda prescrivono modi in cui possono essere soddisfatti in modo regolato e morale, ed essere ancora parte del nostro viaggio verso il nostro obiettivo finale. Tuttavia, gli stessi desideri materiali possono essere trascesi anche quando si sviluppa un gusto superiore.

Un mentore ha la responsabilità di aiutare il devoto a discernere quali sono i suoi bisogni legittimi e insoddisfatti che vengono negati in modo inappropriato in nome della trascendenza, e quali bisogni sono già stati effettivamente trascesi e non possono quindi più essere considerati "bisogni". Fare le cose bene

Potrebbe volerci un po' di tempo, e ci sono molti errori commessi lungo la strada, ma è importantissimo per un progresso felice e pacifico nella vita spirituale.

Come viene utilizzato l'incoraggiamento nel tutoraggio?

Quando un devoto incontra un ostacolo nella vita spirituale, può essere un momento difficile per lui. Molto spesso un ostacolo è il risultato di un attaccamento profondo. Un attaccamento fa sì che una persona abbia paura di rinunciare all'attaccamento e fare il passo successivo. La paura deve essere affrontata con il coraggio. La stessa parola incoraggiamento significa "dare coraggio" e implica la rassicurazione che fare il passo successivo sarà una mossa positiva, che riceveranno molto più di quanto si lasceranno alle spalle e che la paura che provano non è una risposta innaturale. Il coraggio non implica che la paura sia stata rimossa, ma che la persona faccia il passo successivo anche in presenza della paura. Pertanto l'incoraggiamento è una parte importante del tutoraggio!

Quanto dura il tutoraggio?

Il processo di tutoraggio, o offerta di insegnamento, guida spirituale e incoraggiamento, è una parte naturale e permanente dell'essere un Vaishnava. Man mano che si progredisce nella propria vita spirituale, ci si aspetta di essere ricercati da coloro che arrivano freschi alla bhakti. Anche se non li cerchi particolarmente, loro ti troveranno – o Krishna te li manderà!

Ma in pratica abbiamo scoperto che il mentoring dura finché si rivela utile alla persona interessata. C'è una sorta di tendenza per una persona a "galleggiare" per un po 'fino a quando non trova un mentore adatto a loro. C'è anche la tendenza per loro a lasciare lo stesso mentore quando si presentano sfide difficili e prove della vita spirituale. La ragione di ciò è che la guida difficile da seguire viene dal mentore, e talvolta l'individuo penserà: "Forse se ho un altro mentore il consiglio sarà più facile".

Non è che il mentore sia deliberatamente "difficile", semplicemente che il devoto si trova nel mezzo di un dilemma turbolento e irrisolvibile. Il loro forte desiderio di avanzamento spirituale si è ora scontrato con il loro persistente desiderio di qualche forma di avanzamento materiale, e nella loro confusione si scusano dalla relazione, trovano un altro mentore, solo per scoprire che anche la loro nuova guida spirituale dà gli stessi consigli.

Il compito di un mentore è aiutare il devoto durante fasi di turbolenza come questa, e farlo ancora e ancora finché sono felici. Tuttavia non è appropriato che un mentore permetta ai devoti di cui si prende cura di sentirsi così a proprio agio da diventare casuali. Un mentore non è pensato per essere una chioccia "chioccia" che si prende cura dei pulcini - a volte sono necessarie parole forti o un confronto scomodo. Eppure non è nemmeno appropriato che il mentore sia un "sergente maggiore", che ordina costantemente al devoto con parole e gesti di comando. Il mentore deve essere equilibrato e l'allievo deve capire che quando arriva la difficoltà, come deve, non è causata dal mentore ma da lui stesso.

Quindi, per una maggiore stabilità, il nostro consiglio generale a un devoto è di rimanere il più a lungo possibile con un mentore, anche se c'è qualche difficoltà, almeno per sei mesi. E, naturalmente, questo è anche il periodo minimo per un mentore. Altrimenti, se tutto funziona bene nella loro relazione, possono continuare senza interruzioni. Questo sarà un buon allenamento per l'iniziazione, una relazione permanente studente-insegnante.

Sono contento che tu abbia menzionato l'iniziazione; come si inserisce nel mentoring?

Il mentoring si inserisce nell'iniziazione! In realtà, il tutoraggio è una parte indispensabile del processo di iniziazione. In una forma o nell'altra, il tutoraggio ha sempre fatto parte del percorso di un potenziale discepolo.

Il mentoring inizia attualmente - almeno "ufficialmente" diciamo - quando un devoto accetta di cantare quattro giri del maha-mantra ogni giorno. Può iniziare molto prima, ma poiché questo livello indica un impegno serio, è uno di quelli che i nostri devoti più anziani amano avere prima di assumere qualcuno come allievo.

C'è una tabella di marcia per l'iniziazione – fasi di progresso lungo il percorso – e il mentore aiuta semplicemente il futuro discepolo a passare da uno all'altro. Quando il mentore vedrà che il suo allievo ha soddisfatto tutti i criteri per essere iniziato, si incontrerà con il presidente del tempio locale e una lettera di raccomandazione può essere scritta al guru.

Lo fai sembrare molto semplice, ma ho letto che ora ci sono così tanti dettagli nel processo di iniziazione. Perché è così complesso?

In realtà è abbastanza semplice, ma sembra complesso a causa del modo in cui il percorso è stato suddiviso in una serie di fasi. Il principio principale è vedere che le stesse regole che Srila Prabhupada ha messo in atto per i discepoli che vivono in un tempio sono seguite da ogni candidato all'iniziazione, non importa chi sia o dove viva. Naturalmente è stato anche preso in considerazione che la loro situazione di vita può essere diversa perché la maggior parte dei discepoli negli anni di formazione del movimento non si è recata nei luoghi di lavoro, né molti di loro

avere bambini piccoli. E sebbene sarebbe meraviglioso se ogni casa avesse una grande stanza del santuario con un pujari residente, sappiamo che è impossibile per la maggior parte delle persone. Quindi alcune cose sono state aggiustate.

Ma sembra che ci siano molte scartoffie in questi giorni: perché è necessario?

C'è altro da leggere quando i nuovi devoti non imparano le cose vivendo in comune con altri vaisnava. Quindi abbiamo prodotto un opuscolo sull'etichetta Vaishnava di base e un opuscolo sulle fasi verso l'iniziazione. C'è anche una pratica tabella dei progressi da compilare con un semplice rapporto di spunta della sadhana quotidiana.

Sai, ai "bei vecchi tempi" avevamo centinaia di nuovi devoti che andavano e venivano nelle nostre comunità; restavano per un po', a volte anni, poi se ne andavano. Non c'erano registrazioni del servizio che hanno dato al movimento mentre sono rimasti con noi. È un vero peccato, perché hanno dato così tanto. Srila Prabhupada teneva sempre un libro in cui scriveva i nomi dei suoi discepoli iniziati, quindi in questi giorni teniamo traccia di tutti coloro che sono iniziati - e di tutti coloro che sono sulla via per diventare iniziati. È un po' di scartoffie extra, ma pensiamo che ne valga la pena.

C'è un Corso per Discepoli che i candidati seguono ora; fornisce loro tutte le informazioni di cui avranno bisogno prima dell'iniziazione e un breve esame che tutti devono sostenere. Quindi suppongo che se sommi tutto ci sia più carta, ma il risultato è che i nuovi devoti sono meglio preparati, meglio informati e meglio connessi!

(Un libretto preparato da Kripamoya Das nell'ottobre 2016)

Riflessioni

Comunicare

Comunicare Comunicare è una delle necessità essenziali dell'uomo contemporaneo. I massmedia, radio, giornali e televisione, rendono la nostra epoca diversa da quelle che l'hanno preceduta. Per migliaia di anni, miliardi di uomini e donne sono nati, hanno vissuto e sono morti ignorando quanto... Leggi tutto

Giustizia: utopia o realtà

Giustizia: Utopia o realtà? Oggi molta gente si chiede sempre più spesso se la Giustizia sia un valore concreto in cui credere e per cui vale la pena di lottare con determinazione, oppure se non sia solo un'utopia per idealisti sentimentali. Poiché viviamo in una società in avanzato stato di... Leggi tutto

Perché cantare Hare Krishna

Perché cantare Hare Krishna? Ecco una pagina piena di ragioni per cantare Hare Krishna. Per contenere le dimensioni dell'articolo non sono stati inseriti i riferimenti e le note che le sostengono pienamente ma che potete facilmente trovare negli scritti vedici come la Bhagavad-gita, le Upanisad,... Leggi tutto

Da maestro a discepolo

 Da maestro a discepolo Nelle pagine della rivista Back to Godhead (Ritorno a Dio) si può spesso incontrare il termine 'successione di maestri' o 'successione disciplica'. E' la traduzione della parola sanscrita parampara. Il significato della parola è semplice ma molto importante. La... Leggi tutto

Sostieni anche tu il Movimento di Sri Caitanya...

Con un piccolo sforzo otterrai un grande risultato!

Ricorrenze del mese

Sri Virabhadra

Sri Virabhadra 19 OTTOBRE 2022 - Apparizione Oggi è il giorno dell'apparizione di Sri Virabhadra Gosvami, che è descritto nella Sri Caitanya-caritamrta, Adi 11.8–12, come...

Caturmasya - 4° mese

9 OTTOBRE 2022 4° mese di Caturmasya (digiuno di URAD DHAL - per un mese) Il periodo di Caturmasya inizia nel mese di Asadha (giugno-luglio) dal giorno di Ekadasi detto...

Srila Narottama Dasa Thakura

14  OTTOBRE 2022 - Scomparsa Srila Narottama Dasa Thakura Narottam das Thakura fu l'incarnazione degli insegnamenti Gaudiya. Egli comunicò l'amore per Dio mediante i...

Srila Raghunatha Dasa Gosvami

6 OTTOBRE 2022 - Scomparsa Srila Ragunatha Dasa Gosvami   Raghunatha dasa Gosvami (1495-1571)1 è conosciuto come uno dei sei Gosvami di Vrindavana, il primo tra i...

Srila Raghunatha Bhatta Gosvami

 6 OTTOBRE 2022 - Scomparsa   Srila Raghunatha Bhatta Gosvami Per ordine di Sri Caitanya Mahaprabhu Raghunatha Bhatta Goswami rimase un brahmacari per tutta la vita....

Srila Prabhupada - Scomparsa

28 OTTOBRE 2022 - Scomparsa Leggi la sua vita

Srila Krishnadasa Kaviraja Gosvami

6 OTTOBRE 2022 - Scomparsa Srila Krishnadasa Kaviraja Gosvami Apparendo vicino a Katva, Krishna Dasa Kaviraja partì per Vrindavana dopo che Sri Nityananda gli disse in sogno:...

Sri Vasudeva Ghosh

27 OTTOBRE 2022 - Scomparsa Sri Vasudeva Ghosh Vasudeva Ghosh, un intimo associato del Signore Caitanya, era conosciuto per il suo kirtana. Egli compose molte canzoni...

Sri Rasikananda Prabhu

26 OTTOBRE 2022 - Apparizione La Storia di Rasikananda Prabhu di Satyaraja dasa Rasika Murari Patnaik, altrimenti conosciuto come Rasikananda Prabhu, nacque nel 1590,...

Ramacandra Vijayotsava

5 OTTOBRE 2022 Sri Ramcandra Vijayotsava (Dassera) Nel decimo giorno della luna calante del mese di Padmanabha (Asvina), ricorre Vijayotsava. In questo giorno il Signore...

Laksmi Puja

9 OTTOBRE 2022   Laksmi Puja   Si dice che Laksmi Devi sia emersa dall'oceano di latte il giorno di Diwali o Dipavali, il giorno del ritorno di Sri Ramacandra ad...

Govardhana Puja

26 OTTOBRE 2022 L'origine di Govardhana Al largo della costa occidentale dell'India, nell'isola di Salmali, viveva Dronachala, il re delle montagne. Un giorno il saggio di...

Durga Puja

2 OTTOBRE 2022   Durga Puja   Dussehra (Dassera) è uno dei festival Hindu più importanti ed è celebrato in tutta l'India. In particolare si ricorda l'occasione in...

Sri Murari Gupta

9 OTTOBRE 2022 - Scomparsa Sri Murari Gupta Sri Murari Gupta, discepolo di Sri Candrasekhara Acarya, possedeva una straordinaria umiltà. Ebbe una relazione intima durata...

Sri Madhvacarya

5 OTTOBRE 2022 - Apparizione Sri Madhvacarya Sri Madhvacarya è il principale acarya, o maestro spirituale, della Brahma-sampradaya, la successione disciplica dalla quale...

Studio sulla Bhagavad-gita


Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

Social Network



Seguici su...

facebook
© 2020 Iskcon Milano.

Digiuni

Scomparsa di Srila Prabhupada, digiuno fino a mezzogiorno.

 

Digiuno di cereali e legumi fino a domani mattina per Pasankusa Ekadasi. Per la zona di Bergamo domani 7 rompere il digiuno tra le 07:27 e le 11:14.

 

Digiuno di cereali e legumi fino a domani mattina per Rama Ekadasi. Per la zona di Bergamo domani 22 rompere il digiuno tra le 07:47 e le 11:19.

 

 

 

 

...

Publish modules to the "offcanvs" position.

Free Joomla templates by L.THEME