Cerca

GTranslate

Nama-sankirtana

(1)

hari haraye namah krishna yadavaya namah
yadavaya madhavaya kesavaya namah

O Sri Hari, O Sri Krishna, a Te che sei conosciuto come Yadava, Hari, Madhava e Kesava, offro i miei omaggi.

(2)

gopala govinda rama sri-madhusudana
giridhari gopinatha madana-mohana

O Gopala, Govinda, Rama, Sri Madhusudana, Giridhari, Gopinatha, Madana-mohana!

(3)

sri-caitanya-nityananda sri-advaita-sita
hari guru vaisnava bhagavata gita

Tutte le glorie a Sri Caitanya e Sri Nityananda. Tutte le glorie a Sri Advaita Acarya e alla sua consorte, Sri Sita Thakurani. Tutte le glorie a Sri Hari, al maestro spirituale, ai vaisnava, allo Srimad Bhagavatam e alla Srimad Bhagavad-gita.

 

(4)

sri-rupa sanatana bhatta-raghunatha
sri-jiva gopala-bhatta dasa-raghunatha

Tutte le glorie a Sri Rupa Gosvami, a Sanatana Gosvami, a Raghunatha Bhatta Gosvami, a Sri Jiva Gosvami, a Gopala Bhatta Gosvami e a Raghunatha dasa Gosvami.

(5)

ei chay gosair kori carana vandan
jaha hoite bighna-nas abhista-puran

Offro i miei omaggi ai piedi di questi sei Gosvami. Porgendo loro gli omaggi, tutti gli ostacoli sulla via della devozione vengono distrutti e i desideri spirituali possono essere soddisfatti.

(6)

ei chay gosai jar-mui tar das
ta-sabara pada-renu mora panca-gras

Io sono il servitore di chiunque sia un servitore di questi sei Gosvami. La polvere dei loro piedi di loto è il mio alimento in cinque forme.

(7)

tadera carana-sebi-bhakta-sane bas
janame janame hoy ei abhilas

Questo è ciò che desidero: che nascita dopo nascita io possa vivere insieme a quei devoti che servono i piedi di loto dei sei Gosvami.

(8)

ei chay gosai jabe braje koila bas
radha-krishna-nitya-lila korila prakas

Nel tempo in cui vivevano a Vraja i sei Gosvami rivelarono e spiegarono gli eterni divertimenti di Radha e Krishna.

(9)

anande bolo hari bhaja vrindavan
sri-guru-vaisnava-pade majaiya man

Concentrandoti nella meditazione sui piedi divini del maestro spirituale e dei santi vaisnava, canta i nomi di Sri Hari in estasi, e adora il reame trascendentale di Vrindavana.

(10)

sri-guru-vaisnava pada-padma kori as
nama-sankirtana kohe narottama-das

Desiderando i piedi di loto di Sri Guru e dei vaisnava, Narottama dasa canta il sankirtana del santo nome.

 

Questa canzone di Srila Narottama dasa Thakura è molto famosa tra i devoti del Bengala e dell'Orissa. Quando Sri Caitanya tornò da Gaya, dove aveva preso iniziazione da Sri Isvara Puri, era completamente trasformato in una persona completamente assorta nell'amore per Dio. I Suoi studenti di grammatica non l'avevano mai visto così. Invece di insegnare le normali regole della grammatica, Sri Caitanya spiegava ogni frase in modo che ogni parola sanscrita e ogni lettera indicasse in definitiva Krsna, la Persona Suprema. I Suoi studenti pensarono che il loro maestro fosse ammattito, e una volta Gli spalmarono un olio chiamato Visnu, che serve a rinfrescare la testa. Infine Gli chiesero: "Dici che tutto significa Krsna, e che noi dovremmo sempre cantare i Nomi di Krishna, come dovremmo fare?" Allora Sri Caitanya cominciò a cantare i Nomi di Krsna battendo le mani, dando inizio così al Suo movimento del sankirtana.

I Nomi che cantò sono le prime due strofe di questa canzone, e Narottama dasa Thakura e altri hanno usato questi Nomi all'inizio delle loro opere per immortalare questi avvenimenti nella memoria di tutti. Narottama dasa Thakura canta i Nomi di Sri Caitanya, di Sri Nityananda, di Sri Advaita e di Sita (la consorte di Advaita). Dopo offre lo stesso rispetto al Signore Hari, al maestro spirituale, ai vaisnava e alla Bhagavad-gita perché sono tutti sulle stessa piattaforma trascendentale. Poi Narottama dasa canta i Nomi dei sei gosvami "Offro i miei omaggi ai loro piedi" canta "che annientano le sofferenze accumulate in tanti, tanti anni. Sono il servitore di questi sei gosvami, e la polvere dei loro piedi di loto costituisce i miei cinque tipi di cibo. Servire i loro piedi di loto, e mantenere la compagnia dei devoti è la mia unica preoccupazione vita dopo vita."

Quando i sei gosvami stavano a Vrndavana rivelarono gli eterni passatempi trascendentali di Sri Sri Radha Krishna. Prima dell'avvento del Signore Caitanya, l'esatto luogo in cui avvennero i passatempi di Sri Krishna non erano conosciuti e quindi Sri Caitanya istruì i sei gosvami affinché scoprissero questi santi luoghi e vi costruissero dei templi.
Il tempio di Sri Radha Damodara è situato vicino al posto in cui ebbe luogo la danza rasa e Srila Rupa Gosvami e gli altri gosvami solevano incontrarsi lì per discutere gli argomenti dei loro testi che spiegavano scientificamente i sublimi divertimenti di Sri Sri Radha Krishna.

Narottama dasa Thakura dice: "Con grande estasi canta il Nome di Hari e servi il vero maestro spirituale e i devoti". Poi conclude dicendo: "Con tutte le speranze posate sui piedi di loto del mio maestro spirituale e dei santi vaisnava Narottama dasa canta il sankirtana del Signore Hari: Hare Krishna Hare Krishna Krishna Krishna Hare Hare Hare Rama Hare Rama Rama Rama Hare Hare."

 

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

  • Bhagavad-gita cosi' com'e' - Il Verso di Oggi e': B.G. - 02.41

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Sostieni anche tu il Movimento di Sri Caitanya

Con un piccolo sforzo otterrai un grande risultato!