Perché sostenere la I.S.K.Con.?

Qualunque cosa tu faccia...
Qualunque cosa tu faccia...
qualunque cosa tu mangi, sacrifichi od offri in carita', come pure le austerita' che compi - offri tutto a Me, o figlio di Kunti. (B.G. - 9.27)
Leggi
Qualunque sia il metodo...
Qualunque sia il metodo...
adottato per servire Krishna, si deve rinunciare ai frutti del proprio lavoro cioe' si devono impiegare i risultati delle proprie attivita' (karma) per una buona causa. (Srila Prabhupada)
Leggi
Ogni uomo dovrebbe...
Ogni uomo dovrebbe...
dare in carità il 50% dei suoi guadagni al servizio di una buona causa e, secondo i testi sacri, questa causa è la Coscienza di Krishna. (Srila Prabhupada)
Leggi
Chiunque puo' sacrificare una...
Chiunque puo' sacrificare una...
parte dei frutti delle sue azioni per la diffusione della Coscienza di Krishna; questo servizio volontario lo aiutera' a sviluppare il suo amore per Dio e raggiungere cosi' la perfezione. (Srila Prabhupada)
Leggi

separatore iskcon

 Gli studiosi elogiano la
"Bhagavad-gita così com’è"
di Srila Prabhupada

Subito dopo la pubblicazione della "Bhagavad-gita così com'è" ci fu l’approvazione della critica, con eruditi e letterati allora famosi che lodavano l’opera di Srila Prabhupada.

 

È un’opera profondamente sentita, concepita con forza e spiegata con chiarezza. Non so se lodare di più questa traduzione della Bhagavad-gita, il suo originale metodo di spiegazioni o l’incessante fertilità delle sue idee. Non ho mai visto nessuna altra opera sulla Gita con una interpretazione ed uno stile così significativi. …Per molto tempo essa occuperà un posto importante nella vita intellettuale ed etica dell’uomo moderno.

Dott. Shaligram Shukla

Professore di Linguistica alla Georgetown University

 

È fuori discussione che questa edizione sia uno dei migliori testi disponibili sulla Gita e sulla devozione. La traduzione di Prabhupada è una miscela ideale di accuratezza letteraria e di approfondimento religioso

Dott. Thomas J. Hopkins

Professore di Religione al Franklin and Marshall College

 

Nessuna opera di tutta la letteratura indiana è più citata, perché in occidente nessuna è più amata della Bhagavad-gita. La traduzione di una tale opera richiede non solo conoscenza del sanscrito, ma intima comprensione dell’argomento e grande abilità nell’uso della parola. Poiché il componimento in versi è una sinfonia in cui Dio è visto in ogni cosa, lo Swami ha reso un vero servizio agli studenti rivestendo l’amato poema indiano con una fresca interpretazione. Qualunque sia il nostro modo di vedere, dovremmo essere grati per la fatica che ha portato a questa opera illuminante.

Dott. Geddes MacGregor

Emerito Professore di Filosofia alla University of Southern California

 

Posso dire che nella Bhagavad-gita Così Com’è ho trovato spiegazioni e risposte alle domande che mi ero sempre posto riguardo all’interpretazione di questa opera sacra, di cui ammiro profondamente la disciplina spirituale. Se l’ascetismo e l’ideale degli apostoli che formano il messaggio della Bhagavad-gita così com’è fossero più diffusi e più rispettati, il mondo in cui viviamo si trasformerebbe in un posto migliore, più fraterno.

Dott. Paul Lesourd Autore

Professore Onorario alla Università Cattolica di Parigi

 

Il mondo degli eruditi è nuovamente in debito con A. C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada. Sebbene la Bhagavad-gita sia stata tradotta molte volte, Prabhupada con i suoi commenti aggiunge una traduzione di singolare importanza.

Dott. J. Stillson Judah Professore di Storia delle Religioni e Direttore della Libraries

Graduate Theological Union Berkeley in California

 

La Bhagavad-gita, uno dei più grandi testi spirituali, non fa ancora parte del nostro ambiente culturale. Questo probabilmente non è dovuto tanto al fatto che è straniera quanto perché di essa non avevamo quel genere di commento così efficacemente interpretativo a cui Swami Bhaktivedanta ha provveduto, un commento scritto non solo dal punto di vista di un erudito, ma da quello di un praticante, di un devoto dedicato per tutta la sua vita.

Denise Leverto, Scrittrice

 

Al crescente numero di lettori occidentali interessati al pensiero classico vedico è stato offerto un grande servizio da parte di Swami Prabhupada. Portandoci una nuova e viva interpretazione di un testo già conosciuto da molti, egli ha accresciuto moltissimo la nostra comprensione.

Dott. Edward C. Dimock Jr.

Dipartimento di Linguaggio e Civilizzazione dell’Asia del Sud Università di Chicago

 

Sono molto impressionato dall’erudita ed autorevole edizione della Bhagavad-gita di A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada. È un’opera preziosa sia per gli studiosi sia per l’uomo normale ed è di grande utilità sia come libro di riferimento che come libro di testo. Io raccomando vivamente questa edizione ai miei studenti. È un libro molto ben fatto.

Dr. Samuel D. Atkins

Professore di Sanscrito all'Università di Princeton

 

Che il lettore sia un adepto dello spiritualismo indiano o no, una lettura della Bhagavad-gita Così Com’è sarà estremamente proficua. Per molte persone questo sarà il primo contatto con l’India autentica, l’antica ed eterna India.

Francois Chenique

Professore di Scienze Religiose Istituto di Studi Politici

 

Sono molto emozionato di vedere la pubblicazione della Bhagavad-gita Così Com’è di Sri Bhaktivedanta Swami Prabahupada. Questa opera contribuirà a fermare l’inganno di falsi guru e yogi non autorizzati e darà a tutti un’opportunità di capire il vero significato della cultura orientale.

Dr. Kailash Vajpeye

Direttore degli Studi Indiani Centro per gli Studi Orientali Università del Messico


Altre Storie della Gita della Macmillan

Per poter far parte della serie dei classici spirituali della Macmillan, la Gita di Prabhupada doveva essere conforme ad una certa dimensione e ad un certo stile, il che significava che doveva essere ridotta dal suo manoscritto di mille pagine a poco più di trecento pagine. Cosa fare? Prabhupada l’avrebbe accettato? Brahmananda fu sorpreso quando il suo maestro spirituale gli disse: “Fai tutto quello che vuole l’editore; ma i nostri uomini devono preparare il testo in modo che il significato non cambi.” Hayagriva e Rayarama, due tra i più colti discepoli di Prabhupada, prepararono il testo per la pubblicazione e consegnarono alla Macmillan la copia ridotta della Gita prima della scadenza del termine. Prabhupada però chiarì che desiderava che in seguito venisse pubblicata la versione integrale, non ridotta.


Brahmananda scrisse a famosi letterati, poeti ed eruditi religiosi, nella speranza che essi avrebbero dato il loro contributo con prefazioni all’opera di Prabhupada per aumentarne le prospettive di vendita. Si rivolse a Thomas Merton, ad Allen Ginsberg, a Denise Levertov e ad Allan Watts. Tutti ad eccezione di Watts acconsentirono. Nella sua risposta a Brahmananda, Watts scrisse che la filosofia di Prabhupada di presentare la Gita “così com’è” senza interpretarla, era di per sé un’interpretazione e perciò disonesta sul piano intellettuale. Brahmananda era preoccupato, non perché dubitasse di Prabhupada, ma perché Watts era un autore conosciuto che pubblicava con la Macmillan. James Wade avrebbe modificato la sua decisione di pubblicare il libro di Prabhupada se avesse visto la risposta di uno dei suoi autori?


Niente affatto. Wade disse che anche se Watts scriveva dei buoni libri, non capiva la tradizione Gaudiya Vaisnava dello Swami. Il libro di Prabhupada era nella lista, non c’era nessun problema. Prabhupada affidò a Govinda Dasi alle Hawai l’illustrazione della copertina della sua prima edizione Macmillan. Essi discussero sulle dimostrazioni contro la guerra di quel tempo e decisero di non mettere sulla copertina della Bhagavad-gita la solita scena del campo di battaglia. Prabhupada disse a Govinda Dasi di dipingere invece la Forma Universale con le Sue molte teste, lingue, braccia e via dicendo. Furono d’accordo che la natura “psichedelica” di questa immagine avrebbe attratto gli hippies.


Quando l’illustrazione fu sottoposta all’editore però, la Macmillan avanzò delle riserve. Ritenendola troppo soprannaturale per i loro consueti lettori, decisero di togliere le molte braccia e le molte teste, lasciando solo quattro braccia e una testa. Govinda Dasi fu sconvolta dal fatto che avessero modificato il suo lavoro. “Non preoccuparti per questo,” disse Prabhupada. “Questo ora è Visnu che è superiore alla Forma Universale.” Prabhupada aveva sempre voluto che il suo nome apparisse in basso nei suoi libri, sotto la rappresentazione di Krishna o di una delle Sue incarnazioni che potevano essere usate sulla copertina. Non aveva mai voluto che il suo nome fosse al lato del Signore, in una posizione uguale alla Sua, perché questo sarebbe stato in contrasto con l’etichetta.


Quando il libro della Macmillan tornò con il nome di Prabhupada proprio vicino all’immagine del Signore, Prabhupada lo guardò a lungo e attentamente, e poi disse: “ Va bene. L’energia del Signore è sempre alla Sua sinistra e il devoto è un’espansione di questa energia, quindi va tutto bene.”

Studio sulla Bhagavad-gita


Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavadgita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY
  • 1
  • 2
Prev Next

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...