Perché sostenere la I.S.K.Con.?

Qualunque cosa tu faccia...
Qualunque cosa tu faccia...
qualunque cosa tu mangi, sacrifichi od offri in carita', come pure le austerita' che compi - offri tutto a Me, o figlio di Kunti. (B.G. - 9.27)
Leggi
Qualunque sia il metodo...
Qualunque sia il metodo...
adottato per servire Krishna, si deve rinunciare ai frutti del proprio lavoro cioe' si devono impiegare i risultati delle proprie attivita' (karma) per una buona causa. (Srila Prabhupada)
Leggi
Ogni uomo dovrebbe...
Ogni uomo dovrebbe...
dare in carità il 50% dei suoi guadagni al servizio di una buona causa e, secondo i testi sacri, questa causa è la Coscienza di Krishna. (Srila Prabhupada)
Leggi
Chiunque puo' sacrificare una...
Chiunque puo' sacrificare una...
parte dei frutti delle sue azioni per la diffusione della Coscienza di Krishna; questo servizio volontario lo aiutera' a sviluppare il suo amore per Dio e raggiungere cosi' la perfezione. (Srila Prabhupada)
Leggi

separatore iskcon

Il Carro della Mente

Questo dialogo tra Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada e Bhakti-svarupa Damodara Swami, allora studente universitario di nome Svarupa Damodara Dasa, si è svolto a Los Angeles nel gennaio del 1974.

 

Svarupa Damodara Dasa: Gli scienziati, i filosofi e gli psicologi di oggi affermano che l’unica autorità che accettano è la loro mente.

Srila Prabhupada: In sanscrito queste persone sono chiamate mano-dharmi – speculatori mentali.

Svarupa Damodara Dasa: Ma non dobbiamo sperimentare differenti prospettive mentali se vogliamo comprendere questo mondo?

Srila Prabhupada: In realtà, gli speculatori mentali sono stati condannati – mano-rathenasati dhavato bahih [Srimad-Bhagavatam 5.18.12] – perché si lasciano semplicemente portare via dal carro della mente. La mente è instabile, cambia continuamente. Sankalpa e vikalpa: il compito della mente è accettare qualcosa e poi rifiutarla. Tutti questi speculatori mentali fanno proprio così. Qualcuno propone qualche teoria e dopo qualche anno egli stesso o qualcun altro la confuterà. Pertanto con la speculazione mentale rimarrai sulla piattaforma materiale, dove tutto cambia. Non puoi trovare nessuna idea duratura.

Svarupa Damodara Dasa: Ma gli scienziati tengono molto alle loro ricerche. Sono convinti di aver fatto qualcosa di veramente buono per il mondo.

Srila Prabhupada: Essi pensano: “Questo non va bene; questo va bene.” Non sanno però che in questo mondo materiale dire: “Questo non va bene” e “Questo va bene” è solo speculazione mentale, è tutto un errore. Non sanno che in questo mondo materiale, “cattivo” e “buono” sono la stessa cosa – perché ambedue sono semplicemente materiali.

Svarupa Damodara Dasa: Come puoi dire che “cattivo” e “buono” sono la stessa cosa?

Srila Prabhupada: Per esempio, mentre camminiamo lungo questa strada qualche volta diciamo: “Questa strada va molto bene” e qualche altra volta: “Questa strada non va affatto bene”. La strada però è sempre la stessa. Allora come può essere che “vada bene” e “non vada bene” contemporaneamente? Questa è soltanto una speculazione. Oggi possiamo dire: “Questa strada è asciutta; è piena di polvere. Non va bene.” Domani possiamo dire: “Questa strada è asciutta; non è per niente fangosa. Va bene.” È una semplice speculazione mentale.

Svarupa Damodara Dasa: Mi resta ancora un po’ difficile capire quello che dici.

Srila Prabhupada: Ecco un altro esempio. In India gli abitanti dei villaggi fanno i loro bisogni all’aperto nei campi. Alla fine della giornata il sole ha seccato la parte esterna delle feci. Allora se qualche sciocco vede la parte secca degli escrementi può dire: “Oh, questa parte va molto bene.” Egli dimentica che, dopo tutto, si tratta di escrementi – allora qual è la differenza se sono secchi o morbidi? Allo stesso modo, gli scienziati stanno facendo grandi progressi, ma la morte è ancora lì. Allora dobbiamo chiedere: “Qual è la differenza se si fanno progressi o no? Colui che non ha fatto progressi nella scienza morirà, ma anche voi persone cosiddette avanzate dovrete morire. Allora qual è l’utilità?” Né gli scienziati né le persone comuni possono proteggersi dalla morte. Allora qual è il significato di “buono” – “Questo è buono”, “Questo è progresso” – o “Questo non è progresso”?

Svarupa Damodara Dasa: Ma io penso che la distinzione tra “bene” e “male” dipenda dalla coscienza dell’individuo.

Srila Prabhupada: Relatività – la legge della relatività: “Quello che è cibo per un uomo può essere veleno per un altro.” Allora come si può distinguere se questo è “cibo” o “veleno”? Una persona può dire: “No, questo è cibo!” Un’altra dirà: “È veleno!” Allora come riuscirai a distinguere? Vedi? Questo “buono” e questo “cattivo” sono semplici speculazioni mentali. Poiché siamo sulla piattaforma materiale, non c’è niente di buono. Tutto quello che gli scienziati e i filosofi possono fare è ingannare. Essi dicono: “Siamo facendo dei progressi.” In che modo state facendo dei progressi? Il problema della nascita e della morte è ancora lì – allora qual è il significato del vostro progresso?

Svarupa Damodara Dasa: Allora dobbiamo scendere dal carro della mente?

Srila Prabhupada: Sì. Se rimarrai sul carro della mente, qualsiasi cosa accetterai dovrai rinnegarla. E questo è proprio quello che stanno facendo. I cosiddetti scienziati e filosofi avanzano qualche teoria e poi, dopo poco tempo, la respingono. Pertanto se rimarrai sulla piattaforma mentale, continuerai in questo sistema di accettare e rifiutare. Non arriverai mai ad una conclusione duratura. Ci si deve elevare alla piattaforma spirituale. Questa è nityah sasvato ’ yam – eterna, duratura.

Svarupa Damodara Dasa: Dici che tutto in questo mondo è inutile?

Srila Prabhupada: Cerca di capire. Può avere un valore e un significato. Per esempio, puoi aggiungere migliaia di 0, uno dopo l’altro, ma il valore sarà ancora zero. Non diventerà mai 1. Se però prima dello 0 metti 1, si ha subito 10. Aggiungi un altro 0 e immediatamente avrai 100. Lo hai aumentato dieci volte. Ma ci deve essere questo 1 – questo è ekam brama, l’unico Spirito Supremo. Allora lo 0 vede aumentare il suo valore. Similmente, questo mondo materiale è zero. Negativo. Se però c’è la coscienza di Krishna, allora ha un valore.

Svarupa Damodara Dasa: Il carro della mente allora non ha alcun valore?

Srila Prabhupada: No. Non ha alcun valore.

Svarupa Damodara Dasa: Ma tutta la filosofia occidentale ...

Srila Prabhupada: Mano-rathenasati dhavato bahih: con la speculazione mentale rimarrai nella temporaneità. Asat significa “quello che non esiste”. Prendi qualsiasi cosa nel mondo materiale – tra qualche giorno non esisterà più. Tutti lo sanno. Si costruisce un grattacielo, ma tutti sanno che non esisterà per sempre; dopo un po’ di tempo crollerà. Tutti lo sanno. Non durerà. Perciò Prahlada Maharaja dice: maya-sukhaya bharam udvahato vimudhan: le persone compiono sforzi enormi, lavorando giorno e notte, per ottenere una felicità illusoria. Per qualcosa che sarà annullato. È cominciata come zero e finirà come zero. Nel periodo intermedio le persone si danno da fare. Vedete. Perciò sono vimudhan ­– sciocchi e mascalzoni.

Studio sulla Bhagavad-gita


Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavadgita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY
  • 1
  • 2
Prev Next

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...