Perché sostenere la I.S.K.Con.?

Qualunque cosa tu faccia...
Qualunque cosa tu faccia...
qualunque cosa tu mangi, sacrifichi od offri in carita', come pure le austerita' che compi - offri tutto a Me, o figlio di Kunti. (B.G. - 9.27)
Leggi
Qualunque sia il metodo...
Qualunque sia il metodo...
adottato per servire Krishna, si deve rinunciare ai frutti del proprio lavoro cioe' si devono impiegare i risultati delle proprie attivita' (karma) per una buona causa. (Srila Prabhupada)
Leggi
Ogni uomo dovrebbe...
Ogni uomo dovrebbe...
dare in carità il 50% dei suoi guadagni al servizio di una buona causa e, secondo i testi sacri, questa causa è la Coscienza di Krishna. (Srila Prabhupada)
Leggi
Chiunque puo' sacrificare una...
Chiunque puo' sacrificare una...
parte dei frutti delle sue azioni per la diffusione della Coscienza di Krishna; questo servizio volontario lo aiutera' a sviluppare il suo amore per Dio e raggiungere cosi' la perfezione. (Srila Prabhupada)
Leggi

separatore iskcon

Hare Krishna Maha-mantra

hare krishna hare krishna
krishna krishna hare hare
hare rama hare rama
rama rama hare hare

 

Commento di Sua Divina Grazia
Bhaktivedanta Swami Prabhupada

 

Ascolta il commento di Srila Prabhupada

 

La vibrazione trascendentale stabilita dal canto del mantra Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare / Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare è il metodo sublime per far rivivere la nostra coscienza di Krishna. In quanto anime spirituali, siamo tutti originariamente esseri coscienti di Krishna, ma a causa del contatto con la materia che dura da tempo immemorabile, la nostra coscienza è ora contaminata dall'atmosfera materiale. Questa atmosfera materiale nella quale stiamo vivendo è chiamata maya, o illusione. Maya significa "ciò che non è". E in che cosa consiste questa illusione? L'illusione consiste nel fatto che tutti noi stiamo cercando di essere i padroni della natura materiale, mentre in realtà ci troviamo nella morsa delle sue leggi severe. L'illusione è presente quando un servitore cerca di imitare in modo artificiale il padrone onnipotente. A causa di questo concetto contaminato della vita, noi tutti siamo indaffarati nel tentare di sfruttare le risorse della natura materiale, con l'unico risultato di trovarci sempre più invischiati nelle sue complessità. Così, sebbene impegnati in una dura lotta per conquistare la natura, diventiamo sempre più dipendenti da essa. Tuttavia possiamo porre un termine immediato a questa lotta illusoria contro la natura materiale se risvegliamola nostra coscienza di Krishna.

La coscienza di Krishna non è un'imposizione artificiale sulla nostra mente, ma è l'energia originale dell'essere vivente. Quando noi ascoltiamo la vibrazione trascendentale, questa coscienza si risveglia. E questo metodo è raccomandato per l'era presente da grandi autorità. Con l'esperienza pratica è possibile percepire immediatamente l'estasi trascendentale che proviene dal nostro substrato spirituale, cioè cantando questo maha-mantra, ossia il grande canto per la liberazione. E quando ci si stabilisce realmente al livello della comprensione spirituale che supera gli strati inferiori di coscienza - sensuale, mentale e intellettuale - ci si situa al livello della trascendenza. Il canto del mantra Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare / Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare è direttamente emanato dal livello spirituale; supera tutti gli strati inferiori della coscienza cioè il sensuale, il mentale e l'intellettuale. Non c'è bisogno, quindi, di capire il linguaggio del mantra, né esiste nessuna necessità di speculazioni mentali o di qualsiasi altro aggiustamento intellettuale per cantare questo maha-mantra. Sprigiona in modo automatico dal mondo spirituale, ed è per questo che chiunque può prendere parte al canto e danzare in estasi senza bisogno di nessuna qualificazione precedente.

Noi lo abbiamo già visto praticamente. Anche un bambino può partecipare al canto, anche un cane può farlo. Ovviamente, per la persona troppo invischiata nella vita materiale, sarà necessario un po' più di tempo per giungere al giusto livello, ma anche chi è eccessivamente attaccato al mondo materiale può raggiungere il livello spirituale molto velocemente. Quando è cantato con amore da un puro devoto del Signore, il mantra risulta molto efficace per chi ascolta, ed è per questo che dovrebbe essere ascoltato dalle labbra di un puro devoto del Signore, in modo da poter ottenere risultati immediati. Per quanto è possibile, dovrebbe essere evitata la recitazione proveniente dalle labbra di persone che non sono devote. Il latte toccato dalle labbra di un serpente ha effetti velenosi.

La parola Hara è il modo di rivolgersi all'energia del Signore e le parole Krishna e Rama richiamano il Signore Stesso. Entrambi, Krishna e Rama, significano "il piacere supremo" e Hara (Hare al vocativo) è la suprema energia di piacere del Signore. Quest'ultima ci aiuta a raggiungere il Signore.
Anche l'energia materiale, chiamata maya, è una delle Sue numerose energie. E perfino noi, gli esseri viventi, siamo energia (energia marginale) del Signore Assoluto. Noi sappiamo che gli esseri viventi sono definiti superiori rispetto all'energia inferiore. Quando l'energia spirituale viene in contatto con quella inferiore, si determina una situazione di incompatibilità; quando però l'energia marginale inferiore ristabilisce un contatto con l'energia superiore, chiamata Hara, l'essere vivente ritrova la sua condizione naturale e felice.

Queste tre parole, Hare, Krishna e Rama, sono il seme trascendentale del maha-mantra. Il canto è un richiamo spirituale destinato al Signore e alla Sua energia interna, Hare, affinché assicurino la protezione all'anima condizionata. Questo canto può essere paragonato al pianto sincero di un bambino che chiama la madre. Madre Hara aiuta il devoto a ottenere la grazia del Supremo Padre, Hari, Krishna, e Lui Si rivela a quel devoto che canta questo mantra con sentimenti sinceri.

In questa era quindi, nessun altro metodo di realizzazione spirituale è altrettanto efficace quanto il canto del maha-mantra Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare / Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare.

Studio sulla Bhagavad-gita


Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavadgita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY
  • 1
  • 2
Prev Next

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...