Cerca

GTranslate

11° Capitolo

La forma universale

a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma universale

1. Sebbene Arjuna sappia che la forma a due braccia di Krishna sia Suprema, chiede a Krishna di mostrargli quella forma onnipervadente di cui Krishna aveva precedentemente parlato nel capitolo dieci. (1-4)

2. Per cominciare Krishna descrive la Sua forma universale di opulenza, esseri celesti e tempo, che presto mostrerà ad Arjuna. Quindi gli conferisce gli occhi divini necessari a vederla. (5-8)

b. La descrizione di Sanjaya della forma universale (11.9-31)

1. Sanjaya descrive come Krishna conferisce la visione necessaria ad Arjuna. Poi Arjuna contempla la forma universale di Krishna con le Sue espansioni divise in molte migliaia sebbene situate in un solo luogo. Egli vede le Sue bocche e i Suoi occhi illimitati, adorni di gioielli, abiti, ghirlande e profumi; tutto era manifico e splendeva come mille soli. (9-13)

2. La forma universale di Krishna colma di opulenze: Arjuna, confuso e attonito, i peli ritti, prega, "Mio caro Krishna, vedo riuniti nel Tuo corpo tutti gli esseri celesti e molti altri esseri, i saggi e i serpenti divini. Tu sei Dio, la Persona eterna e onnipervadente. Il sole e la luna sono i Tuoi occhi e la Tua radiosità riscalda l'universo intero". (14-19)

3. Kala-rupa, Krishna nella forma del tempo: Arjuna prega: "O Signore dalle braccia potenti, alla vista dei Tuoi volti e dei Tuoi occhi senza fine, delle Tue braccia, dei Tuoi ventri e delle Tue gambe, tutti innumerevoli, e dei Tuoi denti terribili, i pianeti e tutti i loro abitanti sono sconvolti, come lo sono io. I soldati di entrambi gli eserciti si precipitano nelle Tue bocche per trovarvi la distruzione, la Tua forma è così terrificante. Ti prego, dimmi chi sei. Non so qual è la Tua missione e vorrei conoscerla". (20-31)

c. "kalo'smi loka-ksaya-krit".... diventa un Mio strumento (11,32-34)

Krishna risponde, "Io sono il tempo, il grande distruttore dei mondi, e sono venuto ad annientare tutti gli uomini. Ad eccezione di voi [i Pandava], tutti i guerrieri dei due eserciti presenti qui saranno uccisi. Alzati, dunque, e sii pronto a combattere"!

d. Le preghiere di Arjuna (11.35-46)

1. Arjuna, tremante, prega, "Al suono del Tuo nome, Tutti sono attratti da Te, ma gli esseri demoniaci fuggono. Tutti dovrebbero renderti i loro omaggi perché Tu sei la causa di tutte le cause". (35-40)

2. Poi Arjuna chiede perdono per le sue offese. "Perdonami", ti prego, per tutto ciò che ho potuto fare per pazzia o per amore, quando Ti ho chiamato, o Yadava, o Krishna, ignorando le Tue glorie. Nessuno è uguale o superiore a Te, perdona i miei sbagli come fa il padre col proprio figlio. (40-44)

3. Arjuna pieno di paura chiede a Krishna di rivelargli ancora la Sua forma a due braccia di Dio, la Persona Suprema. (45-46)

e. Solo i puri devoti possono vedere la suprema forma a due braccia di Krishna (11.47-55)

1. Krishna ritrae la Sua forma universale (47-48), poi mostra ad Arjuna la Sua forma a quattro braccia (49-50), e per finire la Sua forma a due braccia. (50-51)

2. La forma a due braccia di Krishna può essere vista direttamente soltanto grazie al puro servizio devozionale. (11.52-55)

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

  • Bhagavad-gita cosi' com'e' - Il Verso di Oggi e': B.G. - 02.59

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Sostieni anche tu il Movimento di Sri Caitanya

Con un piccolo sforzo otterrai un grande risultato!