Cerca

GTranslate

14° Capitolo

Le tre influenze della natura materiale

a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4)

1. Colui che è fisso in questa conoscenza può raggiungere la natura trascendentale e liberarsi. (1-2)

2. Krishna è il padre di tutti gli esseri viventi , poiché Egli feconda la sostanza materiale rendendo così possibile la nascita di tutti gli esseri all'interno di questa energia materiale. (il Brahman, il mahat-tattva, e i 24 elementi) (3-4)

b. Descrizione dell'incatenamento dell'anima pura da parte delle tre influenze della natura materiale (14.5-18)

1. Effetti delle influenze: Quando l'essere vivente entra in contatto con la natura materiale diventa condizionato da queste influenze. (5)

2. Come le influenze condizionano: La virtù illumina l'essere e lo libera dalle conseguenze di tutti i peccati, ma lo condiziona con il senso di felicità e di conoscenza che essa procura (6). L'influenza della passione riempie l'essere di desiri intensi e senza fine e lega l'anima incarnata all'azione materiale e ai suoi frutti (7). L'influenza dell'ignoranza è causa d'illusione e lega l'anima con la follia, la pigrizia e il sonno (8).

3. Sommario: La virtù condiziona l'uomo alla felicità, la passione ai frutti dell'azione e l'ignoranza alla follia. (9)

c. Riconoscere la supremazia di una di queste influenze in una persona (14.10-13)

1. La lotta per il sopravvento di un'influenza sull'altra non finisce mai. (10)

2. La manifestazione della virtù è la conoscenza; quella della passione è l'attaccamento, i desideri incontrollabili e gli sforzi intensi; e quella dell'ignoranza, l'ozio e la pazzia. (11-13)

d. Le azioni e il modo di morire in accordo alle influenze materiali (14.14-18)

1. Cosa accade al momento della morte a colui che è predominato da un'influenza specifica: Morire sotto l'influsso della virtù eleva ai pianeti superiori, morire sotto l'influsso della passione porta a rinascere tra gli uomini che si dedicano all'azione interessata, e morire nell'ignoranza porta a rinascere nel regno animale.

2. I risultati delle azioni di colui che è predominato da un'influenza specifica: L'attività compiuta sotto la virtù porta alla purificazione, a vedere le cose per quelle che sono, e alla vita sui pianeti celesti; l'attività compiuta sotto la passione porta alla sofferenza, all'avidità, e alla vita sui pianeti terrestri; l'attività compiuta nell'ignoranza porta alla follia, alla stupidità, all'illusione e a rinascere nei mondi infernali. (16-18)

e. Trascendere le influenze (14.19-27)

1. Si trascendono tutte e tre le influenze materiali sapendo che ogni attività si svolge sotto il controllo di queste influenze, e comprendendo la posizione di Krishna che è trascendentale alle influenze materiali. (19-20)

2. Arjuna chiede a proposito dei sintomi e delle attività di colui che ha trasceso le influenze, e ai metodi con i quali si possono trascendere (21). Krishna risponde (22-25) dapprima descrivendo i sintomi e le attività di colui che trascende: egli vede che niente agisce al di fuori di queste influenze ma rimane neutrale, sempre impassibile nonostante la presenza dell'attaccamento, l'illusione, l'illuminazione, la felicita', la sofferenza, l'orgoglio, l'infamia, gli amici o i nemici. (21-25)

3. I mezzi: Colui che s'impegna completamente nel servizio di devozione, senza mai deviare, trascende subito le tre influenze della natura materiale e raggiunge così il livello del Brahman, la posizione costituzionale della felicità suprema. Krishna è la sorgente di questo Brahman. (26-27)

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

  • Bhagavad-gita cosi' com'e' - Il Verso di Oggi e': B.G. - 03.21

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Sostieni anche tu il Movimento di Sri Caitanya

Con un piccolo sforzo otterrai un grande risultato!