Perché sostenere la I.S.K.Con.?

Qualunque cosa tu faccia...
Qualunque cosa tu faccia...
qualunque cosa tu mangi, sacrifichi od offri in carita', come pure le austerita' che compi - offri tutto a Me, o figlio di Kunti. (B.G. - 9.27)
Leggi
Qualunque sia il metodo...
Qualunque sia il metodo...
adottato per servire Krishna, si deve rinunciare ai frutti del proprio lavoro cioe' si devono impiegare i risultati delle proprie attivita' (karma) per una buona causa. (Srila Prabhupada)
Leggi
Ogni uomo dovrebbe...
Ogni uomo dovrebbe...
dare in carità il 50% dei suoi guadagni al servizio di una buona causa e, secondo i testi sacri, questa causa è la Coscienza di Krishna. (Srila Prabhupada)
Leggi
Chiunque puo' sacrificare una...
Chiunque puo' sacrificare una...
parte dei frutti delle sue azioni per la diffusione della Coscienza di Krishna; questo servizio volontario lo aiutera' a sviluppare il suo amore per Dio e raggiungere cosi' la perfezione. (Srila Prabhupada)
Leggi

separatore iskcon

6° Capitolo

Il dhyana-yoga

a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4)

1. Il sannyasa e lo yoga vengono comparati e sono definiti uguali, poiché entrambi chiedono il distacco dal desiderio della gratificazione dei sensi. (1-2)

2. Per avanzare nello yoga, all'inizio, si deve agire per giungere allo studio avanzato in cui non si desidera né si agisce per la gratificazione dei sensi. (3-4)

b. Gli stadi nella rinuncia dello yogi ed il controllo della sua mente (6.5-9)

1. La mente come amico o nemico: Bisogna usare la mente per elevarsi, non per degradarsi. La mente può essere amica dell'anima condizionata, come può essere nemica se falliamo nel tentativo di conquistarla. (5-6)

2. I sintomi di colui che ha controllato la mente, che ha raggiunto il successo -yogárudha- che riesce a lasciare l'attività interessata: Colui che ha conquistato la mente e ottenuto così la pace ha già raggiunto l'Anima Suprema, per lui la gioia e il dolore, il freddo e il caldo, l'onore e il disonore, la zolla di terra, il sasso e l'oro sono uguali. Si dice che una persona è più elevata ancora quando vede tutti -l'onesto benefattore, l'amico e il nemico, l'invidioso, il peccatore, l'indifferente, e l'imparziale- con mente equanime. (7-9)

c. Gli stadi nella pratica dello yoga (6.10-32)

1. Le pratiche basilari dello yoga: Colui che aspira al successo nella pratica dello yoga deve impegnare il corpo, la mente e il sé nella relazione col Supremo. (10)

2. Dove si deve sedere durante la pratica dello yoga: Per praticare lo yoga occorre andare in un luogo santo e appartato. Bisogna controllare la mente e i sensi e fissare la mente su un unico punto. (11-12)

3. Come ci si deve sedere in meditażione: Bisogna tenere il corpo, il collo e la testa diritti e lo sguardo fisso sull'estremità del naso. Libero dalla paura e dal desiderio sessuale, egli deve meditare su Krishna all'interno del cuore. (13-14)

4. I risultati della meditazione: Così, ponendo fine all'esistenza materiale, egli raggiunge il regno di Dio. (15)

5. Altre pratiche dello yoga: Nessuno può diventare uno yogi se mangia troppo o troppo poco, se dorme troppo o troppo poco. (16-17)

6. Yogarudha: Fissare la mente in samadhi: Lo yogi regola le sue attività. Così, con la mente pura, lo yogi è in grado di vedere il suo vero sé e gustare la gioia interiore. (18-19)

7. Cosa prova lo yogi nello stadio del proprio perfezionamento: Raggiunta questa perfezione, non si allontana più dalla verità e comprende che non c'è nulla di più prezioso. In questa posizione non è più turbato neppure nelle peggiori difficoltà.

8. Ottenere lo stadio della perfezione tramite il controllo della mente: Si deve praticare lo yoga con una fede e una determinazione incrollabili. Si devono abbandonare senza riserve tutti i desideri materiali generati dal falso ego e controllare, con la mente, tutti i sensi. Animato da una ferma convinzione, lo yogi deve elevarsi gradualmente con l'intelligenza, fino a raggiungere la perfetta concentrazione e fissare la mente solo sull'Anima Suprema. (24-25)

9. Un ulteriore progresso nel controllo della mente: Ovunque la mente vaghi a causa della sua natura agitata e instabile, dev'essere ricondotta sotto il controllo del sé spirituale. Fissando la mente su Krishna, lo yogi raggiunge la propria identità qualitativa con il Supremo e si impegna al servizio di Krishna. (26-27)

10. La perfezione dello yoga: Egli vede Krishna ovunque e vede tutto in Krishna, egli non è mai separato da Krishna, come Krishna non è mai separato da lui. Sapendo che l'Anima Suprema e Krishna sono una cosa sola, vede la vera uguaglianza di tutti gli esseri, e quindi agisce per il bene di tutti. (28-32)

d. La mente e la pratica dello yoga (6.33-36)

Il Signore Krishna conferma il dubbio di Arjuna quando dice che la mente è turbolenta e rende difficile la pratica dello yoga e la visione ecquanime. Quindi il Signore assicura Arjuna che il controllo della mente è necessario, e che è possibile soltanto grazie ad una pratica costante e al distacco.

e.  La destinzione dello yogi che non ha ottenuto successo nella pratica dello yoga. (6.37-45)

Poi Krishna risponde al dubbio di Arjuna riguardo alla destinazione dello yogi che non ha avuto successo o di chiunque si trovi su un sentiero spintuale inadatto. Il Signore spiega che dopo aver goduto della vita sui pianeti superiori, lo yogi prende nascita all'interno di una famiglia pia o aristocratica. Se egli aveva fallito dopo una lunga pratica, nascerà in una famiglia di saggi trascendentalisti. Così sarà attratto automaticamente dai principi dello yoga (anche senza cercarli). Poi, dopo una pratica rigorosa, raggiungerà la meta suprema. (Questi versi a partire dal 2.40, trattano della protezione del proprio sentiero spirituale.)

f.  Lo yogi più eleavto (6.46-47)

Uno yogi è più elevato di un filosofo empirico, di colui che aspira ai frutti dell'azione, e dell'asceta. E di tutti gli yogi, colui che con grande fede dimora sempre in Krishna e Lo adora servendoLo con un amore trascendentale è il più intimamente legato a Lui ed è il più grande di tutti. (6.46-47)

Studio sulla Bhagavad-gita


Domande e risposte - 1a…

(1a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cos'è la Bhagavad-gita? La Bhagavad-gita ("Il canto del Signore"), nota...

Domande e risposte - 2a…

(2a parte) Domande e risposte sulla Bhagavad-gita Che cosa sono i jiva? I jiva siamo noi, esseri viventi...

Un breve riassunto

Un breve riassunto della Bhagavad-gita La Bhagavad-gita inizia con il re cieco Dhritarastra che chiede al...

Un sommario - 1a parte

Un sommario della Bhagavad-gita (parte I) La luce della Gita di Kalakantha Dasa Bhagavad-gita significa "il canto (gita)...

Un sommario - 2a parte

Un sommario della Bhagavadgita (parte II) La luce della Gita di Kalakantha Dasa   "Sono la fonte di tutti...

Bhagavad-gita_NOANNIVERSARY
  • 1
  • 2
Prev Next

Il Dharma

Il dharma nella Bhagavad-gita Sri Krishna cambia la comprensione di Arjuna  per quanto riguarda la...

Krishna è Dio

Krishna è Dio, la Persona Suprema   Nell'Atharva-veda, la  Gopala-tapani Upanisad dichiara direttamente che Krishna, è Dio...

L'antica scienza dell'agire

  L'antica scienza dell'agire Forse avrete sentito il racconto di alcuni ricchi mercanti o di baroni turbolenti...

La scala dello Yoga

  La scala dello yoga Dal fondo alla cima Si può iniziare la propria "scalata" sulla scala dello...

Le qualità della virtù

  Le qualità della virtù Il compimento delle tre austerità che seguono, sono dette qualità della virtù...

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Capitolo 01

1° Capitolo Sul campo di battaglia di Kuruksetra a. I preparativi per la guerra (1.1-27) 1. Sańjaya informa...

Capitolo 02

2° Capitolo Il contenuto della Bhagavad-gita a. Arjuna si sottomette a Krishna, e Krishna si accinge ad...

Capitolo 03

3° Capitolo Il karma-yoga a. La confusione: Rinunciare o agire (3.1-2) Arjuna chiede a Krishna come mai Lui...

Capitolo 04

4° Capitolo La conoscenza trascendentale a. La conoscenza trascendentale che riguarda Krishna (4.1-10) 1. Questa Bhagavad-gita precedentemente fu...

Capitolo 05

b. Agire con distacco (5.7-12) 1. Un'anima pura non rimane legata perché, sebbene agisca, essa fissa...

Capitolo 06

6° Capitolo Il dhyana-yoga a. Avanzare nello yoga tramite il distacco (6.1-4) 1. Il sannyasa e lo yoga...

Capitolo 07

7° Capitolo La conocenza dell'Assoluto   a. Conoscere Krishna  completamente tramite l'ascolto (7.1-3) Krishna chiede ad Arjuna di ascoltare...

Capitolo 08

8° Capitolo Raggiungere il Supremo a. Krishna risponde alle domande di Arjuna (8.1-4) Arjuna pone otto domande a...

Capitolo 09

9° Capitolo La conoscenza più confidenziale   a. Ascoltare di Krishna: qualità da sviluppare e da evitare. (9.1-3) La...

Capitolo 10

10° Capitolo L'opulenza dell'Assoluto   a. La posizione di Krishna come l'origine di ogni cosa (10.1-7) 1. Chiunque conosca...

Capitolo 11

11° Capitolo La forma universale a. La domanda di Arjuna e la descrizione di Krishna della forma...

Capitolo 12

12° Capitolo Il servizio di devozione a. La bhakti supera l'impersonalismo (12.1-7) 1. Colui che fissa la mente...

Capitolo 13

13° Capitolo La natura, il beneficiario e la coscienza a. Le sei domande di Arjuna (13.1) Arjuna chiede...

Capitolo 14

14° Capitolo Le tre influenze della natura materiale a. La liberazione e il condizionamento dell'essere vivente (14.1-4) 1...

Capitolo 15

15° Capitolo Lo yoga della Persona Suprema a. Distaccarsi dal mondo materiale, il riflesso del mondo spirituale...

Capitolo 16

16° Capitolo Natura divina e natura demoniaca a. Qualità trascendentali e qualità demoniache (16.1-6) 1. Vengono menzionate 26...

Capitolo 17

17° Capitolo Le divisioni della fede a. Le influenze determinano le proprie attività: fede e adorazione secondo...

Capitolo 18

18° Capitolo La perfetta rinuncia a. Agire con distacco è la vera rinuncia e agendo in questo...