Cerca

GTranslate

Il verso di oggi

VERSO 7.16

catur-vidha bhajante mam
janah sukritino 'rjuna
arto jijnasur artharthi
jnani ca bharatatarsabha

 

catuh-vidhah: quattro generi di; bhajante: rendono servizio; mam: a Me; janah: persone; su-kritinah: coloro che sono pii; arjuna: o Arjuna; artah: gli infelici; jijnasuh: i curiosi; artha-arthi: chi desidera un beneficio materiale; jnasuh: i curiosi; artha-arthi: chi desidera un beneficio materiale; jnani: chi conosce le cose nella loro realtà; ca: anche; bharatarisabha: o grande tra i discendenti di Bharatarisabha.

 

TRADUZIONE

O migliore dei Bharata, quattro categorie di uomini virtuosi si avvicinano a Me con devozione - gli infelici, coloro che desiderano la ricchezza, i curiosi e coloro che aspirano a conoscere l'Assoluto.

 

SPIEGAZIONE

I virtuosi, al contrario dei miscredenti descritti nel verso precedente, aderiscono rigidamente ai princìpi regolatori enunciati nelle Scritture, all'insieme delle leggi sociali e morali e sono, a diversi livelli, devoti del Signore Supremo, da cui il loro nome di sukritinah. Sono classificati in quattro gruppi: 1) coloro che sono infelici; 2) coloro che hanno bisogno di denaro; 3) coloro che manifestano una certa curiosità; 4) coloro che ricercano la Verità Assoluta. Tutti, in condizioni diverse, avvicinano il Signore Supremo per servirLo, ma nessuno lo fa con purezza, perché in cambio della loro devozione cercano di soddisfare alcuni desideri. La devozione pura, invece, è priva di ogni aspirazione e desiderio personale. Il Bhakti-rasamrita-sindhu (1.1.11) la definisce in questo modo:

 

anyabhilasita-sunyam
jnana-karmady-anavritam
anukulyena krishnanu-
silanam bhaktir uttama

 

"Si deve servire il Signore Supremo, Sri Krishna, con amore e una devozione tutta spirituale, senza mischiarvi motivi che nascano dall'interesse personale o dalla speculazione intellettuale, e senza cercare alcuna ricompensa materiale. Questo è il puro servizio devozionale."

Quando i quattro tipi di uomini che vengono al Signore per servirLo si purificano completamente a contatto con un puro devoto, diventano anche loro puri devoti. Per i miscredenti è molto difficile servire il Signore perché sono egoisti, sregolati e non si propongono fini spirituali. Tuttavia, se avvicinano un puro devoto, anch'essi possono diventare puri devoti del Signore.
Gli uomini presi dagli atti interessati talvolta si avvicinano al Signore quando la sfortuna si abbatte su di loro. Entrano allora in contatto con i puri devoti e nella loro infelicità adottano il servizio di devozione. Anche coloro che sono delusi da tutto si avvicinano talvolta ai puri devoti e cominciano e interrogarsi su Dio. Anche i filosofi aridi, frustrati nelle loro ricerche, s'interessano qualche volta a Dio e cominciano a servirLo; superano allora la conoscenza del Brahman impersonale e del Paramatma, situato nel cuore di ognuno, per giungere a concepire la forma personale di Dio per la grazia del Signore e del Suo puro devoto. Quando poi gli infelici, coloro che hanno bisogno di denaro, coloro che sono animati dalla curiosità e coloro che ricercano la conoscenza sono liberati da ogni desiderio personale e realizzano pienamente la differenza tra il guadagno materiale e il progresso spirituale, diventano anche loro puri devoti. Ma finché non hanno raggiunto la purezza, pur servendo il Signore continuano ad impegnarsi in attività interessate, a ricercare la conoscenza materiale, a prediligere qualche altro scopo. È dunque necessario eliminare questi ostacoli se si vuole raggiungere la devozione pura.

Bhagavad-gita: Il verso del giorno

  • Bhagavad-gita cosi' com'e' - Il Verso di Oggi e': B.G. - 09.11

Ratha Yatra a Milano

rathayatra

Sostieni anche tu il Movimento di Sri Caitanya

Con un piccolo sforzo otterrai un grande risultato!