Cerca

chisiamo

Chignolo d'isola - Villag. Hare Krishna (BG)
Lun -Dom: 4:30 - 21:00

B.G. - 07.08

Il verso di oggi

VERSO 7.8

raso 'ham apsu kaunteya
prabhasmi sasi-suryayoh
pranavah sarva-vedesu
sabdah khe paurusam nrisu

 

rasah: gusto; aham: Io; apsu: nell'acqua; kaunteya: o figlio di kunti; prabha: la luce; asmi: Io sono; sasi-suryayoh: della luna e del sole; pranavah: le tre lettere a-u-m; sarva; in tutti; vedesu; i Veda; sabdah: vibrazione sonora; khe: nell'etere; paurusam: abilità; nrisu: nell'uomo.

 

TRADUZIONE

Sono il sapore dell'acqua, o figlio di Kunti, la luce del sole e della luna e la sillaba om nei mantra vedici. Sono il suono nell'etere e l'abilità nell'uomo.

 

SPIEGAZIONE

Questo verso spiega come il Signore manifesti la Sua onnipresenza attraverso le Sue energie materiali e spirituali. All'inizio della vita spirituale si può dunque percepire la Verità Assoluta attraverso le Sue differenti energie e realizzare così il Suo aspetto impersonale. Come si può percepire l'esistenza personale del dio del sole attraverso i raggi del sole, così il Signore, che non lascia mai il Suo regno, può essere percepito attraverso le Sue molteplici energie. Il principio attivo dell'acqua, per esempio, è il suo gusto. A nessuno piace bere l'acqua di mare, perché il gusto puro dell'acqua è mischiato con quello del sale. È la purezza del suo gusto che rende l'acqua così gradevole, e questo gusto puro è un'energia del Signore. Ma queste energie possono essere percepite in diversi modi: mentre l'impersonalista si accontenterà di vedere L'Assoluto nel gusto dell'acqua, il personalista non dimenticherà di glorificare il Signore per aver permesso agli esseri di spegnere la loro sete. Questa è una comprensione superiore dell'Assoluto. In realtà, personalismo e impersonalismo non si oppongono veramente. Chi conosce Dio, sa che ogni cosa racchiude sia il Suo aspetto personale sia quello impersonale, come insegna anche Sri Caitanya Mahaprabhu con la sublime dottrina dell'acintya bheda e abheda-tattva: l'unità e la molteplicità simultanee.

In origine, la luce del sole e della luna emanano dal brahmajyoti, lo sfolgorio impersonale del Signore. L'omkara, detto anche pranava, cioè il suono trascendentale con cui s'inizia ogni mantra vedico, si rivolge al Signore Supremo. Gli impersonalisti, che si spaventano solo all'idea di glorificare il Signore pronunciando uno dei Suoi innumerevoli nomi, preferiscono vibrare il suono dell'omkara, senza sapere che anch'esso è la rappresentazione sonora di Krishna. Così la coscienza di Krishna abbraccia tutto e chiunque l'adotti è liberato, mentre coloro che la ignorano rimandano nell'illusione e sono condizionati dalla materia.

Ricorrenze del mese

Siva Ratri

Festival di Jagannatha Misra

Sri Caitanya Mahaprabhu

Sri Madhavendra Puri

Sri Purusottama Das Thakura

Srila Jagannatha D.B.M.

Sri Rasikananda Prabhu

Sri Isvara Puri

Siva Ratri

Festival di Jagannatha Misra

Sri Caitanya Mahaprabhu

Sri Madhavendra Puri

Sri Purusottama Das Thakura

Srila Jagannatha D.B.M.

Sri Rasikananda Prabhu

Sri Isvara Puri